Crescentino: la chiesetta della frazione CampagnaArticolo precedente
La sezione Avis di Villareggia: altruismo e responsabilità da 14 anniArticolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

Villareggia: Stazione radio base in via Convento

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo
Villareggia: Stazione radio base in via Convento
Articoli correlati

Dopo la sentenza del Tar favorevole ad H3g il Comune e “Antenne al loro posto” ora preparano il ricorso al Consiglio di Stato.

Data al mese di giugno il più recente atto dell’iter giudiziario che da tempo contrappone il Comune di Villareggia, accanto al Comitato cittadino “Villareggia – antenne al loro posto”, alla H3g SpA, intorno all’installazione di una stazione radio base per la telefonia mobile a Villareggia.

Duplice il nodo che ha generato il contendere ormai due anni fa: la collocazione della struttura, alta più di trenta metri, che sorgerebbe non distante dalle abitazioni e dalle scuole in via Convento, e la forma del diniego non rispettata dal Comune, che ha superato i tempi consentiti ed è incappato nel silenzio assenso. Si sono susseguiti poi una serie di atti e ricorsi che sono approdati a quest’ultima sentenza del Tar.

Una sentenza «non favorevole», ammette il referente del Comitato Maurizio Carra, che però lascia spazio ad un pur cautissimo ottimismo. «Ci sono infatti aspetti per cui l’operato del Comune è stato valutato positivamente».

Da una parte l’amministrazione è stata condannata a rifondere a favore della H3g le spese di lite, che ammontano a 3000 euro, e anche il Comitato è stato colpito dalla stessa sanzione, per un importo leggermente inferiore, 2000 euro, a cui vanno aggiunti gli accessori di legge.

Dall’altra il Tar ha respinto la domanda di risarcimento della H3g, secondo la sentenza per “mancata dimostrazione di un apprezzabile pregiudizio patrimoniale”. Comune e “Antenne al loro posto” con i rispettivi avvocati stanno mettendo a punto una nuova strategia difensiva, basata sulla valutazione di diversi elementi non ancora pienamente dibattuti finora, in modo da poter difendere le proprie posizioni allo scadere dei 90 giorni dal pronunciamento.

Claudia Carra

Nella foto: Un intervento di Maurizio Carra a una riunione con il comitato “Antenne al loro posto” e l’Amministrazione comunale.

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Scegli l’argomento o la tua città

Pubblicità

Pubblicità

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

direttore
May 06, 2017 direttore

egregio FR, - qui non si sta parlando di Piani Regolatori: si sta parlando di Piani [...]

vedi articolo
FR
May 06, 2017 FR

Per concludere, nel caso ci fosse un evento d'emergenza come quelli citati da lei, ciò [...]

vedi articolo
FR
May 06, 2017 FR

Nell'articolo però il pericolo dei rifiuti radioattivi è messo alla pari di un incidente nucleare [...]

vedi articolo