I santhiatesi Sbiriulà: teatro per passione e divertimentoArticolo precedente
PALAZZOLO: La democrazia appare debole? Ogni cittadino può collaborare a consolidarne la costruzioneArticolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

Una nuova formazione per gli Egen Group: da Livorno o da Santhià ma comunque dal jazz

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo

SANTHIÀ. Cambiano pelle gli Egen Group, gruppo fondato nel 2013 dal trombettista santhiatese Paolo Bianco.

La nuova formazione vuole proporre un’esperienza il più vicina possibile alla jam session, puntando sullo scambio musicale fra strumentisti, in modo da comunicare la parte più emotiva ed improvvisata del jazz, dove i musicisti “converseranno” tra loro.

Egen Group

Lo scorso anno gli Egen group avevano debuttato durante la rassegna “Poetiche Armonie” alla Riseria Molinaro di Santhià e nel 2014 rinascono in forma esclusivamente strumentale e scegliendo tra le correnti del jazz l’hard bop e il bebop, mentre in origine il gruppo aveva una voce, ma non un batterista, per avere un impatto acustico molto riservato per l’ascoltatore, spiega il bassista Paolo Salussoglia.

Il bebop nasce negli anni ’40, è la musica di Charlie Parker e Dizzy Gillespie, ha dato un fortissimo contributo all’evoluzione futura del genere, rendendo sempre più importante l’improvvisazione, anche perché in quegli anni si stava consolidando il passaggio dalla grande orchestra ai piccoli gruppi (quintetti o quartetti) che non suonavano più in sale da ballo ma in club e quindi a puro scopo di ascolto e non più per far ballare il pubblico. L’hard bop arriva dopo il bebop, più moderno, sfrutta buona parte della corrente che musicisti come Shorter, Coltrane e Miles Davis avevano introdotto nella musica jazz tramite un maggiore indirizzamento della composizione verso la musica modale.

Tutti i componenti hanno una formazione jazz. I livornesi Piero e Paolo Salussoglia, padre e fi glio, rispettivamente al piano e al basso, e Fabrizio Momo, sax tenore, si esibiscono anche nei Night spot.

Paolo Bianco, già nei Men in jazz, ha suonato sia in piccole che grandi formazioni dalla classica al jazz e il batterista vercellese Gian Mario Cuneo, allievo del celebre batterista Enrico Lucchini, ha condiviso il palco anche con il compianto Sergio Rigon in varie big band. Tutto il gruppo ad eccezione di Piero Salussoglia si ritrova anche nella Evergreen music Orchestra.

Claudia Carra

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Scegli l’argomento o la tua città

Nuova stagione teatrale al Civico di Vercelli
Dario Casalini al Civico di Vercelli

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

Francesco Borasio
September 16, 2017 Francesco Borasio

Impossibile non condividere il testo......oltre agli schiamazzi,una occhiata ai numerosi rifiuti gettati a terra è [...]

vedi articolo
Stefano Di Tano
September 11, 2017 Stefano Di Tano

Sono pienamente d'accordo con la disamina del direttore, e la ritengo fra le più chiare [...]

vedi articolo
gie-uaugizz
June 11, 2017 gie-uaugizz

Scusate, ho dimenticato di sottoscrivere. Fabio Pistan [...]

vedi articolo