BIANZÈ: La recita dei bambini delle scuole elementariArticolo precedente
SANTHIÀ: Dibitonto: «Gli affari sul corso sono calati del 30%. Riapriamo la Ztl al traffico per almeno due mesi»Articolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

TRONZANO: Altro che semplificare le autorizzazioni per le cave, qui urgono misure urgenti per iniziare le bonifiche

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo
Articoli correlati

Andrea Chemello ed Enrica SimoninTRONZANO. (r.t.) Grande interesse ha suscitato l’incontro, moderato da Fabio Tomei del Carp (Coordinamento Ambientalista Rifiuti Piemonte), sul nuovo disegno di legge regionale sulle attività estrattive. Enrica Simonin del “Movimento Valledora” ha illustrato ciò che prevede il disegno di legge, ovvero di ridurre i processi autorizzativi cui sono sottoposte le imprese estrattive per poter scavare, nelle zone idonee, fino a mille metri cubi. «Tutto ciò porterebbe a una cattiva gestione, non si saprebbe quanto si cava né quanto si estrae. Servono misure urgenti per le bonifiche, non per nuove escavazioni».

Il sindaco tronzanese Andrea Chemello è stato autore di una controproposta, sulla base della tesi di laurea di Simone Orioli. Dagli interventi del primo cittadino e del giovane studioso sono emerse delle linee guida alternative: «occorre allargare la quota di mercato degli aggregati riciclati che oggi, grazie all’innovazione tecnologica e all’applicazione sviluppata ormai da anni nei principali Paesi europei, hanno le stesse prestazioni degli aggregati naturali per impieghi nel settore edilizio. Inoltre il materiale riciclato ha prezzi competitivi e può sostituire l’uso della sabbia, della ghiaia e degli inerti in generale. Dunque, ridurre il numero delle cave per inerti ed i conseguenti quantitativi estratti è possibile». E dalle relazioni è emerso anche che «il secondo passo importante da fare è quello di rafforzare la tutela ambientale aumentando il controllo dell’attività estrattiva sul territorio. Ed è assolutamente necessario aggiornare il quadro normativo nazionale, fermo al 1927, per arrivare a definire per tutto il territorio italiano alcuni “standard minimi” che riguardino le aree in cui l’attività di cava è vietata e quelle in cui è condizionata a pareri vincolanti di amministrazioni di tutela ambientale».

Nell’occasione è iniziata la raccolta di firme contro lo “sciagurato” disegno di legge regionale.

Nella foto: Andrea Chemello ed Enrica Simonin.

2 Commenti

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Scegli l’argomento o la tua città

Pubblicità

Pubblicità

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

Francesco Borasio
September 16, 2017 Francesco Borasio

Impossibile non condividere il testo......oltre agli schiamazzi,una occhiata ai numerosi rifiuti gettati a terra è [...]

vedi articolo
Stefano Di Tano
September 11, 2017 Stefano Di Tano

Sono pienamente d'accordo con la disamina del direttore, e la ritengo fra le più chiare [...]

vedi articolo
gie-uaugizz
June 11, 2017 gie-uaugizz

Scusate, ho dimenticato di sottoscrivere. Fabio Pistan [...]

vedi articolo