Dmail, dieci milioni di debiti scaduti con le bancheArticolo precedente
TRINO: In città e a Robella si sperimenta la rete Wi-FiArticolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

TRINO: Un’area per i cani e “orti sociali”

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo
TRINO: Un’area per i cani e “orti sociali”
Articoli correlati

TRINO. I progetti dell’Amministrazione comunale per il terreno vicino all’acquedotto. L’assessore Massazza: organizzeremo anche incontri di formazione con ortolani esperti.

Il terreno comunale posto vicino all’acquedotto verrà utilizzato per realizzare un’area per i cani e degli “orti sociali”. Spiega il vicesindaco Alessandro Demichelis: «non nasce con l’intento di diventare un vespasiano», sarà una zona recintata dove gli animali potranno correre liberamente. Il problema delle deiezioni canine era già stato sollevato a più riprese dai cittadini durante la campagna elettorale e resta «uno dei problemi per i quali abbiamo le maggiori sollecitazioni, insieme alle buche nelle strade, la scarsa pulizia della città e la mancanza di cestini portarifiuti».

Metà terreno sarà dedicato agli amici dell’uomo mentre i padroni saranno oggetto di una campagna di sensibilizzazione ideata in collaborazione con la Polizia locale. Se da un lato i manifesti proporranno in modo discorsivo e fumettistico la questione, sollecitando ad utilizzare gli appositi sacchetti, dall’altra verrà ricordato che è un’infrazione e quindi passibile di multa. Gli stessi assessori probabilmente si mobiliteranno per questa campagna, i vigili ammoniranno e ricorderanno ai proprietari il loro dovere e infine arriveranno anche le sanzioni.

Il progetto degli orti sociali è invece nato «dal confronto con le associazioni e i servizi sociali» spiega l’assessore Patrizia Massazza, è «emersa questa opportunità». L’idea si è poi evoluta in itinere, infatti il Comune sta lavorando per aderire ad un bando della Compagnia di San Paolo sulla riqualificazione di un’area pubblica a fine sociali. «Una parte potrebbe quindi essere utilizzata come punto di aggregazione – ipotizza Demichelis – un paio di lotti assegnati alle scuole e alle associazioni», le possibilità sono numerose. «L’importante è dare aiuto alle persone», conclude la Massazza, che pensa anche a degli incontri di formazione con ortolani d’esperienza per poter davvero utilizzare al meglio le porzioni assegnate, visti i risultati di esperienze simili rimaste poco produttive.

Silvia Baratto

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Scegli l’argomento o la tua città

Nuova stagione teatrale al Civico di Vercelli
Dario Casalini al Civico di Vercelli

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

Francesco Borasio
September 16, 2017 Francesco Borasio

Impossibile non condividere il testo......oltre agli schiamazzi,una occhiata ai numerosi rifiuti gettati a terra è [...]

vedi articolo
Stefano Di Tano
September 11, 2017 Stefano Di Tano

Sono pienamente d'accordo con la disamina del direttore, e la ritengo fra le più chiare [...]

vedi articolo
gie-uaugizz
June 11, 2017 gie-uaugizz

Scusate, ho dimenticato di sottoscrivere. Fabio Pistan [...]

vedi articolo