Diffida perché Vercelli è sporca? Atena: #nonscherziamo, con il Comune non abbiamo mai firmato una Carta dei servizi...Articolo precedente
Teatro Civico: da oggi in vendita i biglietti dei singoli eventiArticolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

Scorie nucleari, «se il Deposito Nazionale sarà pronto entro il 2025 è inutile costruire depositi temporanei»

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo
Scorie nucleari, «se il Deposito Nazionale sarà pronto entro il 2025 è inutile costruire depositi temporanei»

Il Comitato di vigilanza, Legambiente e Pro Natura: Sogin ha già speso un sacco di soldi nei siti di Saluggia e Trino, utilizzi i restanti per procedere a una “vera” disattivazione

TRINO. Il Programma Nazionale per la gestione del combustibile esaurito e dei rifiuti radioattivi, recentemente pubblicato dal Governo, prevede l’entrata in esercizio del Deposito Nazionale per lo stoccaggio del materiale radioattivo entro il 2025. Prevede inoltre il rilascio dei siti attuali, compresi quelli di Saluggia e Trino, senza vincoli radiologici (il “prato verde”) entro il 2035.
Il Comitato di vigilanza sul nucleare, Legambiente e Pro Natura del Vercellese in un comunicato osservano che «fissate queste scadenze, che gli stessi esercenti – compresa Sogin – dovranno rispettare, è evidente che non ha più senso costruire nuovi depositi “temporanei” (come il D3 annesso all’impianto Cemex, a Saluggia) negli inidonei siti attuali, quando fra otto anni – secondo le previsioni del Governo – le scorie potranno essere portate al Deposito Nazionale».
«Lo stesso Programma Nazionale – proseguono -, nel capitolo sui costi, riporta che “la stima del costo complessivo per il rilascio dei siti privi di vincoli radiologici ammonta, secondo i documenti prodotti da Sogin, a circa 6,5 miliardi di euro”. Di questi, dal 2001 al 2013 Sogin ne ha già spesi 2,6. Ne restano quindi – a meno di voler chiedere altri soldi ai contribuenti, come nel settore nucleare avviene da ormai troppi anni – soltanto 3,9. Anzi: ne restano meno, perché il Programma “fotografa” la situazione a fine 2013, mentre Sogin ha speso altre decine di milioni di euro fra il 2014 e il 2016, e ne sta spendendo tuttora. Inoltre nel Programma Nazionale c’è scritto che si dovranno sostenere “costi aggiuntivi per ogni anno in più di gestione in caso di ritardo”».
Da ciò il Comitato e le associazioni ambientaliste traggono questa conseguenza: «è quindi assurdo – sotto tutti i punti di vista: ambientale, tecnico ed economico – che, oggi e nei prossimi anni, Sogin continui ad utilizzare parte del budget che le è stato affidato spendendolo per costruire – a Saluggia, a Trino e negli altri siti – nuovi depositi “temporanei” che presto dovrà smantellare».
Il Comitato, Legambiente e Pro Natura in queste settimane stanno incontrando i cittadini – in assemblee organizzate a Saluggia, a Trino e a Bosco Marengo – per predisporre le osservazioni al Programma Nazionale, che saranno presentate al Governo nei prossimi giorni. «Fra le altre cose – concludono – chiediamo che Sogin riveda il proprio piano industriale: smetta di spendere soldi per costruire nuovi depositi “temporanei”, e li utilizzi invece per una vera disattivazione, preparando l’invio di tutto il materiale radioattivo dai siti attuali al Deposito Nazionale a partire dal 2025, in modo da avere davvero il “prato verde” entro il 2035 senza ritardi e senza “costi aggiuntivi”».

[nella foto: i lavori di costruzione del deposito “temporaneo” D2 all’Eurex di Saluggia]

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Scegli l’argomento o la tua città

Pubblicità

Pubblicità

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

Francesco Borasio
September 16, 2017 Francesco Borasio

Impossibile non condividere il testo......oltre agli schiamazzi,una occhiata ai numerosi rifiuti gettati a terra è [...]

vedi articolo
Stefano Di Tano
September 11, 2017 Stefano Di Tano

Sono pienamente d'accordo con la disamina del direttore, e la ritengo fra le più chiare [...]

vedi articolo
gie-uaugizz
June 11, 2017 gie-uaugizz

Scusate, ho dimenticato di sottoscrivere. Fabio Pistan [...]

vedi articolo