SALUGGIA: «Ecco le attività e le iniziative del Comune sui temi nucleari»Articolo precedente
SANTHIÀ: Gianni Franceschina, l’artista dei carri allegoriciArticolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

SANTHIÀ: Sara e Mattia sono Majutin e Stevulin

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo
SANTHIÀ: Sara e Mattia sono Majutin e Stevulin

SANTHIÀ. (r.s.) Svelati i nomi dei ragazzi che interpreteranno le Maschere del Carnevale santhiatese. Lei è “figlia e nipote d’arte”: genitori e nonni sono stati le maschere nel 2002 e nel 1981. Lui ha sfilato nei “Rubinet” e nei “Butalass”.

Sono stati svelati nei giorni scorsi i nomi dei ragazzi che quest’anno impersoneranno Majutin dal Panpardù e Stevulin dla Plisera, le maschere del Carnevale Storico di Santhià. Sara Gherardi e Mattia Beccaro: saranno loro a interpretare i due novelli sposi che durante i quattro giorni di divertimento, fi ssati da sabato 1 a martedì 4 marzo, diventeranno padroni del paese.

Majutin è Sara Gherardi, 19 anni, studentessa della Facoltà di lingue e culture per il Turismo a Torino, da sempre con il Carnevale nel sangue. Nella sua famiglia, infatti, quasi tutti hanno vissuto in prima persona questa storica manifestazione, a partire dai nonni che interpretarono le maschere nel lontano 1981, seguiti dalle zie nel 1996 e 2006. E non potevano mancare i genitori, che hanno impersonato Stevulin e Majutin nel 2002. Sara però detiene un vero e proprio record: infatti ha svolto la sua prima sfi lata quando era ancora nel pancione di mamma Cinzia. «Adesso che sarò io a calarmi nei panni della maschera sono entusiasta. La mia speranza è quella di essere la maschera di tutti: cercherò di coinvolgere e strappare un sorriso a tutti i santhiatesi, dai piccoli agli anziani».

Sara verrà accompagnata nell’avventura carnevalesca da Mattia Beccaro, vale a dire Stevulin dla Plisera: anche lui classe 1994, studente di Scienze Politiche a Torino, fi n da piccolo ha sfi lato con suo papà nello storico gruppo “I Rubinet”, passando negli ultimi anni al seguito del carro della compagnia “I Butalass”. Conosciuto dai tantissimi bambini di Santhià, visti i suoi sei anni di esperienza come animatore dell’oratorio di San Grato, anche lui si avvicina con emozione a questo appuntamento con il Carvé: «Fare la maschera è il sogno di ogni santhiatese – spiega Mattia – e la mia unica speranza è di svolgere questo ruolo al meglio».

Nella foto: Mattia Beccaro e Sara Gherardi

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Scegli l’argomento o la tua città

Nuova stagione teatrale al Civico di Vercelli
Dario Casalini al Civico di Vercelli

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

Francesco Borasio
September 16, 2017 Francesco Borasio

Impossibile non condividere il testo......oltre agli schiamazzi,una occhiata ai numerosi rifiuti gettati a terra è [...]

vedi articolo
Stefano Di Tano
September 11, 2017 Stefano Di Tano

Sono pienamente d'accordo con la disamina del direttore, e la ritengo fra le più chiare [...]

vedi articolo
gie-uaugizz
June 11, 2017 gie-uaugizz

Scusate, ho dimenticato di sottoscrivere. Fabio Pistan [...]

vedi articolo