Il sedano di monte: depurativo, diuretico ma soprattutto... potente afrodisiacoArticolo precedente
CRESCENTINO: All’Italcardano si allestiscono le nuove linee di produzioneArticolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

SANTHIA: Magliola, presto un incontro fra azienda e sindacati

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo
SANTHIA: Magliola, presto un incontro fra azienda e sindacati

SANTHIÀ. (r.e.) Dopo lo sciopero di dicembre sono stati acquistati i soffioni per riscaldare i capannoni. Sul tappeto le questioni della rimozione dell’amianto dai tetti e degli “scatti di livello”.

Sono giorni di attesa e speranza per i lavoratori delle Officine Magliola di Santhià dopo lo sciopero portato avanti nel mese di dicembre: uno sciopero di due ore al giorno, con sit in nel cortile della ditta. I lavoratori chiedevano l’acquisto e l’installazione di soffioni per riscaldare i capannoni dove si lavora: lo svolgere l’attività al freddo, infatti, aveva portato allo scontro tra operai e vertici aziendali.

Ora però sembra che vi sia qualche spiraglio di intesa e di accordo: i soffioni per riscaldare i capannoni sono stati acquistati, e con questi si scalderanno anche i depositi della ditta. A breve inizieranno anche i lavori per la ristrutturazione dei bagni. Sulle altre problematiche evidenziate dai lavoratori si dovranno attendere le prossime settimane: per fine gennaio è previsto un incontro tra azienda e sindacati. Si dovrà capire con quali tempistiche verrà smaltito l’amianto sui tetti dello stabilimento (sono già state condotte delle analisi per valutare la sicurezza ambientale).

Un aspetto a cui i lavoratori sono molto attenti è quello degli “scatti di livello” di determinati operai: qualcuno sostiene infatti di venire sottopagato rispetto alla mansione ricoperta, e si sottolinea la presenza di differenze contrattuali tra alcuni lavoratori.

Il lavoro per la Magliola, comunque, non sembra mancare: a confermarlo sono le attività legate alla ristrutturazione delle carrozze dell’Orient Express e dei treni Intercity. Diverse dunque le problematiche sul tavolo del confronto; nei giorni scorsi i sindacati hanno contattato l’Api (Associazione Piccole e Medie Imprese) di Novara per capire la volontà dell’azienda, e anche in questo caso è stato tutto rimandato all’incontro che avverà a giorni e in cui si decideranno gli interventi migliorativi dell’ambiente di lavoro e del futuro dell’azienda.

Nella foto: L’interno di un capannone della Magliola di Santhià.

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Scegli l’argomento o la tua città

Pubblicità

Pubblicità

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

gie-uaugizz
June 11, 2017 gie-uaugizz

Scusate, ho dimenticato di sottoscrivere. Fabio Pistan [...]

vedi articolo
gie-uaugizzu
June 11, 2017 gie-uaugizzu

Per la cronaca: qualche giorno prima della commissione sono stato contattato da Renato Bianco, in [...]

vedi articolo
direttore
June 07, 2017 direttore

bene: tutti d'accordo sul sorteggio, allora, metodo migliore per evitare (possibili) favoritismi. se domenica ai [...]

vedi articolo