CRESCENTINO: Si asfalta il cavalcavia della Lignola: 125 mila euroArticolo precedente
MONCRIVELLO: «Ma il sindaco Carlino si rende conto di come ci ha trattati in questi anni?»Articolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

SANTHIÀ: Gli amministratori da Santhià a Ivrea: no ai tagli alla linea 56

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo
SANTHIÀ: Gli amministratori da Santhià a Ivrea: no ai tagli alla linea 56
Articoli correlati

Santhià. (r.s.) Sabato 22 marzo nella sala consigliare del Municipio di Santhià si è svolto l’incontro convocato dal sindaco Angelo Cappuccio con i sindaci interessati dalla linea Atap 56 Vercelli – Santhià – Cavaglià – Ivrea. (Vercelli, San Germano, Olcenengo, Tronzano, Santhià, Cavaglià, Roppolo, Viverone, Piverone, Palazzo Canavese, Bollengo, Burolo, Ivrea).

Presenti per Santhià, oltre al sindaco, il consigliere Simonetta Todi, per Olcenengo il sindaco Ercole Gaibazzi, per Bollengo l’assessore Roberto Varesio, per Palazzo Canavese il sindaco Amanda Prelle, per Piverone il vicesindaco Alfredo Samperi, per Cavaglià l’assessore Alessandra Nicolello. All’incontro hanno preso parte anche Mario Matto, dell’associazione Amici della Via Francigena Santhià, e Alessandro Chiesi e Riccarda Azzi per l’associazione La Via Francigena di Sigerico – Ivrea.

L’incontro è stato convocato a seguito di una lettera della Provincia di Vercelli che annuncia tagli a questa linea nel caso in cui la Regione attui il ridimensionamento dei fondi che, come ipotizzato, dovrebbero subire una diminuzione del 16,88% rispetto al 2013.

È emersa forte la decisione dei Comuni di fare rete sul territorio, mettendo in primo piano non una posizione di bandiera, ma la difesa dei servizi e delle risorse delle zone attraversate dalla linea 56.

L’accento è stato messo sulle problematiche che riduzioni o cancellazioni sulla tratta avrebbero sulla vita di tutti i cittadini del vercellese, biellese e canavese – specie se anziani, disabili, studenti – che sarebbero costretti a muoversi con auto privata. I partecipanti all’incontro hanno deciso di sottoscrivere un documento congiunto da recepire nei rispettivi consigli comunali e da presentare in Regione e presso le tre Province interessate.

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Scegli l’argomento o la tua città

Pubblicità

Pubblicità

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

gie-uaugizz
June 11, 2017 gie-uaugizz

Scusate, ho dimenticato di sottoscrivere. Fabio Pistan [...]

vedi articolo
gie-uaugizzu
June 11, 2017 gie-uaugizzu

Per la cronaca: qualche giorno prima della commissione sono stato contattato da Renato Bianco, in [...]

vedi articolo
direttore
June 07, 2017 direttore

bene: tutti d'accordo sul sorteggio, allora, metodo migliore per evitare (possibili) favoritismi. se domenica ai [...]

vedi articolo