TRONZANO: Altro che semplificare le autorizzazioni per le cave, qui urgono misure urgenti per iniziare le bonificheArticolo precedente
CIGLIANO: Pubblicata la variante al Piano RegolatoreArticolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

SANTHIÀ: Dibitonto: «Gli affari sul corso sono calati del 30%. Riapriamo la Ztl al traffico per almeno due mesi»

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo
SANTHIÀ: Dibitonto: «Gli affari sul corso sono calati del 30%. Riapriamo la Ztl al traffico per almeno due mesi»
Articoli correlati

SANTHIÀ. (r.s.) La proposta, avanzata in Consiglio comunale, è stata bocciata da sindaco e maggioranza.

Luca Dibitonto di SanthiàSospendere per due mesi la Ztl in corso Nuova Italia per aiutare i commercianti a sfruttare il periodo dei saldi. Lo ha chiesto, invano, il consigliere Luca Dibitonto all’ultima seduta del Consiglio comunale.

Dibitonto, dati alla mano, ha spiegato la situazione dei negozianti di corso Nuova Italia «che dall’8 aprile 2013 (giorno della nuova Ztl che vieta il traffico veicolare dalle 12 alle 5 del mattino, ndr), ovvero da nove mesi a oggi, hanno visto le loro vendite calare del 30%». Una situazione che per essere invertita necessiterebbe di interventi «su misura», tra questi, secondo il consigliere di minoranza, la riapertura alle auto della Ztl. «I commercianti stanno vivendo una situazione difficile – ha spiegato Dibitonto –, e guardando il nostro corso si nota come spesso sia quasi deserto. Chiedo al sindaco di rivedere la sua posizione sulla Ztl».

La richiesta è di aprire sperimentalmente, per due mesi, il corso cittadino alle macchine almeno nei giorni infrasettimanali. «Questa soluzione – ha spiegato Dibitonto – permetterebbe ai commercianti di sfruttare in pieno il periodo dei saldi e potrebbe essere una prova per vedere la risposta dei cittadini all’apertura veicolare del corso».

La proposta è stata appoggiata dai consiglieri Gilberto Canova e Ornella Spagna: «Quello della Ztl è un problema annoso – ha detto Canova -, ma in un momento di crisi come quello che stiamo attraversando bisogna attuare ogni strategia ». Simile posizione quella di Ornella Spagna: «La maggioranza non dovrebbe intestardirsi. Cambiare idea non è un peccato». Ma sulla questione il sindaco non ha avuto esitazioni: «Attualmente – ha detto – si può circolare nel corso in auto dalle 5 alle 12, e l’attuale soluzione sembra accontentare un po’ tutti».

Rammaricati per l’ennesimo no del sindaco si sono detti anche Fabrizio Pistono, titolare dell’antica ferramenta del corso, e Paola Savio, titolare del negozio di abbigliamento Corso Italia News.

Nelle foto: Luca Dibitonto e  un tratto di corso Nuova Italia.

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Scegli l’argomento o la tua città

Pubblicità

Pubblicità

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

Francesco Borasio
September 16, 2017 Francesco Borasio

Impossibile non condividere il testo......oltre agli schiamazzi,una occhiata ai numerosi rifiuti gettati a terra è [...]

vedi articolo
Stefano Di Tano
September 11, 2017 Stefano Di Tano

Sono pienamente d'accordo con la disamina del direttore, e la ritengo fra le più chiare [...]

vedi articolo
gie-uaugizz
June 11, 2017 gie-uaugizz

Scusate, ho dimenticato di sottoscrivere. Fabio Pistan [...]

vedi articolo