Verrua Savoia: Don Corrado Cotti sacerdote da sessant'anniArticolo precedente
Saluggia: Mi chiedevano denaro per i “ragazzi” di SoginArticolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

San Grisante: Festeggiato don Emiliano Giolito: 60 anni di sacerdozio

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo
San Grisante: Festeggiato don Emiliano Giolito: 60 anni di sacerdozio
Articoli correlati

CRESCENTINO. (s.b.) Domenica nella chiesa di San Grisante, parrocchia che segue insieme a San Genuario. Ha svolto la sua missione pastorale a Masserano, Candia Lomellina, Livorno Ferraris e al Santuario della Madonna del Palazzo.

Una grande festa per i 60 anni di sacerdozio di don Emiliano Giolito: questa la risposta delle due comunità parrocchiali che ancora segue, San Grisante e San Genuario, alle quali si sono uniti amici e fedeli crescentinesi a dimostrazione della stima verso l’anziano parroco.

«È un onore per me ricordare il giorno della mia ordinazione» ha esordito don Emiliano, ricordo che risale al 29 giugno 1954 alle 10, proprio l’orario di celebrazione della messa nella parrocchiale di San Grisante, addobbata e preparata per l’evento. Cogliendo l’occasione della festività dei santi Pietro e Paolo ha osservato: «ho cercato di calcare lontanamente le loro orme, la forza e la sensibilità di Pietro, lo studio di Paolo».

Nel corso dell’omelia ha ripercorso il lungo cammino pastorale, 18 anni come vice per scelta, per accumulare esperienza operando in paesi diversi, Masserano, Candia Lomellina, poi Livorno Ferraris e quindi la parrocchia di San Grisante, a cui seguirà San Genuario e per lunghi anni il rettorato della Madonna del Palazzo. «Tante esperienze, in ambiti industriali e agricoli dove la chiesa è vissuta in modo diverso», dai quali ha tratto il comune esempio della laboriosità che ha poi applicato non solo alle divine ma anche alle umane cose, come i lavori di muratura in chiesa, la doratura del coro. Ha ringraziato i presenti e i collaboratori, si è scusato perché «mancanze, errori, limiti, fragilità ci sono per tutti».

All’offertorio una serie di doni ha aperto una nuova parentesi di apprezzamento: fiori, frutta e prodotti degli orti sono importanti perché provengono dalla fatica della sua gente, perché come scrisse in quel lontano ricordino “seminatore di Dio”, parole chiare per chi veniva da una famiglia di contadini, il lento e continuo lavoro di semina, di attenzione alla crescita e forse di qualche frutto da raccogliere.

Aiutato dal diacono Luciano Giorcelli ha indossato il crocefisso donatogli quest’anno dall’arcivescovo padre Enrico Masseroni. Nel 2006 don Emiliano per limiti di età e di salute dette le dimissioni da rettore del santuario, erano trascorsi 35 anni dal conferimento dell’incarico. Padre Masseroni lo nominò canonico onorario della cattedrale di Vercelli; nel 2014 sono stati ultimati i lavori di restauro e nella cerimonia d’inaugurazione ai canonici venne conferito il titolo di monsignore e a titolo di riconoscimento per l’attività svolta questa preziosa croce che riproduce la figura dell’antico crocefisso della cattedrale risalente all’anno 1000.

Al termine della funzione religiosa, dopo che Giovanni Giraudi aveva cantato in suo onore l’Ave Maria di Schubert, i partecipanti si sono ritrovati attorno ad un ricco buffet collocato sui tavoli posizionati nel corridoio centrale della chiesa approntato con leccornie dolci e salate portate dai fedeli; «oggi è una grande festa e non è fuori luogo farla qui, non è mondana bensì di amore e di ringraziamento».

Nella foto: Don Emiliano durante l’omelia.

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Scegli l’argomento o la tua città

Pubblicità

la prima pagina del giornale in edicola

Mercoledì 10 Dicembre 2014 la prima pagina del giornale in edicola

Pubblicità

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

Combine per far dimettere l’opposizione? Potete attaccarvi al tram. | Paola Olivero
December 29, 2014 Combine per far dimettere l’opposizione? Potete attaccarvi al tram. | Paola Olivero

- essere rinviato a giudizio per calunnia nei confronti di un pubblico dipendente http://www.lagazzetta.info/pasteris-denuncia-il-geom-ceresa-per-abuso-dufficio-e-peculato-ma-e-un-bo… [...]

vedi articolo
Jokrah
August 12, 2014 Jokrah

La toponomastica funziona. Dovrebbero funzionare però anche i ritrovamenti archeologici. Anche nell'area nord orientale del [...]

vedi articolo