Domenica 4 maggio: Da Vercelli a San Germano (e, volendo, fino a Santhià)Articolo precedente
LIVORNO FERRARIS: Alla cava Coppa è tutto sotto controlloArticolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

SALUGGIA: Vita Tre: il bilancio preventivo nel 2014 pareggia a 116 mila euro

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo
Articoli correlati

SALUGGIA. (c.r.) Nel tardo pomeriggio di lunedì 28 aprile si è tenuta l’assemblea dei soci dell’Associazione Vita Tre di Saluggia per l’approvazione del bilancio preventivo 2014, primo bilancio dopo l’avvicendamento alla presidenza di Giovanni Momo in sostituzione di Giovanni Olivero.

Il presidente Giovanni Momo
nella foto: il presidente Giovanni Momo.

Il presidente Momo ha illustrato il bilancio sottolineando l’importanza di questo particolare momento. Ha fatto leva soprattutto sul senso di responsabilità di tutti i consiglieri, dei responsabili dei servizi e di tutti i volontari per una maggiore consapevolezza del ruolo che ognuno riveste nell’associazione. Ha ribadito l’importanza dell’impostazione organizzativa per un’associazione di queste dimensioni, ed ha aperto allo spirito di iniziativa dei volontari sempre nel rispetto dello Statuto e del Regolamento dell’associazione. Infine ha sottolineato l’importanza di ogni volontario che nello svolgere delle proprie mansioni deve sentirsi parte dell’associazione, evitando di sottolineare personalismi ma di tenere come unico riferimento sempre e soltanto la mission dell’associazione.

Gli obiettivi del bilancio di previsione 2014 sono il consolidamento dei servizi ordinari e delle spese, attuando una politica di riduzione e ottimizzazione dei costi. Investimenti nelle attrezzature, informatizzazione dell’ufficio, manutenzioni straordinarie, collaborazioni con le altre associazioni del territorio per garantire la massima apertura di Vita Tre anche attraverso la realizzazione di progetti comuni.

Il bilancio di previsione 2014 pareggia a 116 mila euro e risente di alcune problematiche. Alcuni servizi, infatti, non raggiungono il pareggio per la riduzione delle entrate (in particolare la consegna dei pasti a domicilio e i servizi trasporto), e in bilancio sono presenti residui a credito di Vita Tre (ad esempio: partite aperte con il Comune) che occorrerà riscuotere o comunque definire.

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Scegli l’argomento o la tua città

Pubblicità

Pubblicità

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

Francesco Borasio
September 16, 2017 Francesco Borasio

Impossibile non condividere il testo......oltre agli schiamazzi,una occhiata ai numerosi rifiuti gettati a terra è [...]

vedi articolo
Stefano Di Tano
September 11, 2017 Stefano Di Tano

Sono pienamente d'accordo con la disamina del direttore, e la ritengo fra le più chiare [...]

vedi articolo
gie-uaugizz
June 11, 2017 gie-uaugizz

Scusate, ho dimenticato di sottoscrivere. Fabio Pistan [...]

vedi articolo