Sabato 18 - Vercelli: I Cristalli d'Amore del giovane Emanuele Piacentini PaggiArticolo precedente
Sabato 18: Musica italiana, rock e jazz nei locali della zonaArticolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

Sabato 18 – Crescentino: Le sorprese del divorzio

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo

Le sorprese del divorzio

CRESCENTINO. Con l’anno nuovo riprende la stagione del Teatro Angelini: in scena sabato 18 gennaio la compagnia milanese Gost con Le sorprese del divorzio. È il classico vaudeville, la commedia brillante francese che ebbe tanto successo e continua ad averne per la sua freschezza, l’abile intreccio, il ritmo incalzante, i colpi di scena, l’umorismo e l’ironia che i vari autori hanno profuso nei copioni; in questo caso Alexandre Bisson, uno dei maggiori rappresentanti di questo genere teatrale, che la scrisse nel 1888 con la collaborazione di Antony Mars.

Quale argomento, quale tema più comune e universale dei dissidi con la suocera? Lo sa bene Enrico Duval, poeta non molto talentuoso, che ha sposato Diana, donna un po’ civettuola, di poco carattere, legata da sempre alla madre che ovviamente si è piazzata in casa, dirige tutto e purtroppo tutti. Duval, esasperato dall’incombente e onnipresente suocera, arriva a divorziare; trova una seconda anima gemella in Gabriella, figlia di Bourganeuf, uomo simpatico e, elemento importante, vedovo.

Il tempo passa e la situazione pare vada per il meglio, il suocero è un’ottima persona e il ménage decisamente buono. Ma una notizia si abbatte su Duval come un fulmine: Bourganeuf, partito per una vacanza, torna sposato e la mogliettina è proprio Diana, che naturalmente porta al seguito l’inseparabile mamma Bonivard. Il momento è tragico, si era liberato di una suocera e adesso ne ha addirittura due: deve escogitare qualcosa per riuscire a sopravvivere. Da qui il rutilante finale.

Ottima l’interpretazione degli attori, che riescono a creare la giusta atmosfera e soprattutto a rispettare i tempi, elemento fondamentale per la riuscita dello spettacolo; infatti queste rappresentazioni sono dei meccanismi perfetti, degli orologi teatrali che non permettono il minimo errore o intoppo. Il tempo non ha scalfito la verve dello spettacolo, che non risente assolutamente del secolo ormai ampiamente compiuto; del resto, le suocere sono pur sempre suocere…

È il secondo appuntamento in cartellone con la compagnia Gost, che a novembre aveva presentato Noi se fossimo Gaber.

Silvia Baratto

Sabato 18 gennaio, ore 21, Teatro Angelini, Crescentino.
Prevendita presso cartoleria Cipolla 0161.843194.
Per informazioni 380.1239062 o www.taliateatro.crescentino.com.

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Scegli l’argomento o la tua città

Nuova stagione teatrale al Civico di Vercelli
Dario Casalini al Civico di Vercelli

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

Francesco Borasio
September 16, 2017 Francesco Borasio

Impossibile non condividere il testo......oltre agli schiamazzi,una occhiata ai numerosi rifiuti gettati a terra è [...]

vedi articolo
Stefano Di Tano
September 11, 2017 Stefano Di Tano

Sono pienamente d'accordo con la disamina del direttore, e la ritengo fra le più chiare [...]

vedi articolo
gie-uaugizz
June 11, 2017 gie-uaugizz

Scusate, ho dimenticato di sottoscrivere. Fabio Pistan [...]

vedi articolo