Sabato 12 aprile - Chivasso: In cammino Articolo precedente
Sabato 12 e domenica 13 - Vercelli: Paesaggi fluviali della SesiaArticolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

Sabato 12 aprile – Crescentino: “L’avaro”, interpretato da Lello Arena

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo

Lello Arena ne l'avaro
Nella foto: Lello Arena in una scena.

Crescentino. La commedia di Molière chiude sabato la stagione del Teatro Angelini. Il vizio portato all’eccesso, l’antagonismo sentimentale, i maneggi dei servitori, gli equivoci…

Il cartellone dell’Angelini comprende sempre un classico, quest’anno la stagione teatrale si chiude sabato 12 aprile con L’avaro di Molière interpretato da Lello Arena.

Commedia divertente, è tra le più famose dell’autore francese, che non ha lesinato nel costruirla inserendo tutti gli ingredienti che, già singolarmente, creano comicità, il vizio portato all’eccesso, l’antagonismo sentimentale, i maneggi dei servitori, gli equivoci; a tutto ciò vanno aggiunti colpi di scena e un intreccio abbastanza robusto per reggere tutti questi spunti ma non appesantire la rappresentazione.

Un ultimo elemento ha reso L’avaro sempre più famoso nel tempo, il carattere intramontabile delle questioni che suscita: se d’acchito l’avarizia, accompagnata da bramosia e aridità, portano il protagonista ad essere disistimato e quindi ovvio bersaglio del fato e di chi gli sta attorno, se la sua incapacità di relazionarsi e a cogliere altro nei rapporti interpersonali che non sia solo un’occasione di profitto lo condanna alla solitudine, attorno a lui ruota un mondo che limpido non è, offuscato da piccoli egoismi, complicità e azioni opportunistiche.

Arpagone è maniacalmente possessivo nei confronti delle sue proprietà, si trattasse anche di una semplice e vecchia sedia, mira a matrimoni convenienti per i figli, una giovane bella e ricca di qualità per se stesso, ma nulla andrà come aveva programmato. Se da un lato è sconfitto per aver voluto anteporre il bene materiale ai sentimenti, dall’altra la vittoria non è indice di innocenza, l’onestà intellettuale è di pochi.

Silvia Baratto Sabato 12 aprile, ore 21, Teatro Angelini, Crescentino.
Per prenotazioni Cartoleria Cipolla, tel. 0161.843194.

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Scegli l’argomento o la tua città

Nuova stagione teatrale al Civico di Vercelli
Dario Casalini al Civico di Vercelli

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

Francesco Borasio
September 16, 2017 Francesco Borasio

Impossibile non condividere il testo......oltre agli schiamazzi,una occhiata ai numerosi rifiuti gettati a terra è [...]

vedi articolo
Stefano Di Tano
September 11, 2017 Stefano Di Tano

Sono pienamente d'accordo con la disamina del direttore, e la ritengo fra le più chiare [...]

vedi articolo
gie-uaugizz
June 11, 2017 gie-uaugizz

Scusate, ho dimenticato di sottoscrivere. Fabio Pistan [...]

vedi articolo