Incendio in un’abitazione di SanthiàArticolo precedente
Visite guidate gratuite alle chiese di San Lorenzo e San SebastianoArticolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

Rubava i libri dalle biblioteche

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo
Rubava i libri dalle biblioteche

Verrua Savoia. Massimo Epifanio, decoratore: in casa sua i Carabinieri hanno recuperato 3200 volumi. Li ha sottratti a Verrua, Lauriano, Casalborgone, San Sebastiano da Po, Cavagnolo e altri paesi della collina.

Nelle sue uniche dichiarazioni pubbliche rese ad un quotidiano non appena s’è diffusa la notizia, s’è difeso così. “Che colpa ne ho – ha detto -? Li avessi almeno venduti per ricavare qualcosa… Forse devo farmi seguire da qualcuno che mi curi e mi guarisca da questa ossessione. Che è nata qualche anno fa. Prendevo in prestito i libri e li riportavo indietro. Poi tornavo a casa e mi accorgevo che quel volume lo avrei voluto conme, per averlo sempre a disposizione. È iniziato tutto così… A me i libri riempiono la vita, forse colmano le mancanze del mio passato”.

Massimo Epifanio, 44 anni, di mestiere decoratore, residente in borgata la Pietra di Lauriano, dalla scorsa settimana è diventato “famoso”. Della sua vicenda hanno scritto i principali quotidiani e persino le tv nazionali gli hanno dedicato ampi servizi.

Ma che ha fatto per “meritarsi” tutta questa notorietà? Epifanio è un cleptomane di libri, preferibilmente antichi e che parlino d’arte. Nella sua casa i carabinieri ne hanno trovati 3.200, tutti spariti dalle biblioteche comunali, con un danno stimato di circa 40 mila euro. Tomi stipati in ogni stanza, letti e consultati, o anche semplicemente accumulati per un irrefrenabile desiderio di averli con sé. Molti con il timbro della biblioteca ancora ben visibile, altri con la pagina strappata o con il marchio modificato. I volumi appartengono alle biblioteche di Lauriano, Casalborgone, San Sebastiano da Po, Cavagnolo, Brusasco, Verrua Savoia, San Raffaele Cimena, Gassino, Castiglione e Andezeno.

Il decoratore è stato denunciato per furto e sono ancora in corso altri accertamenti per verificare la provenienza di altri libri trovati in casa.

A smascherare il cleptomane è stata una ragazza, universitaria, volontaria alla biblioteca di Lauriano. Doveva consultare alcuni libri per la redazione della tesi di laurea. I volumi risultavano, sulla carta, nella disponibilità della biblioteca, ma non ce n’era più traccia in nessuno scaffale. L’inventario ha portato a scoprire che nella biblioteca di Lauriano i libri spariti erano centinaia: il Comune ha quindi denunciato l’ammanco alla vicina caserma dei carabinieri di Casalborgone. E l’altro giorno la Procura di Ivrea ha dato l’ok ai militari per intervenire.

Andrea Bucci

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Scegli l’argomento o la tua città

Pubblicità

la prima pagina del giornale in edicola

Mercoledì 10 Dicembre 2014 la prima pagina del giornale in edicola

Pubblicità

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

Combine per far dimettere l’opposizione? Potete attaccarvi al tram. | Paola Olivero
December 29, 2014 Combine per far dimettere l’opposizione? Potete attaccarvi al tram. | Paola Olivero

- essere rinviato a giudizio per calunnia nei confronti di un pubblico dipendente http://www.lagazzetta.info/pasteris-denuncia-il-geom-ceresa-per-abuso-dufficio-e-peculato-ma-e-un-bo… [...]

vedi articolo
Jokrah
August 12, 2014 Jokrah

La toponomastica funziona. Dovrebbero funzionare però anche i ritrovamenti archeologici. Anche nell'area nord orientale del [...]

vedi articolo