Silenzio, solitudine e diversità nel secondo romanzo della InvernizziArticolo precedente
SANTHIÀ: «Il giuramento ora è un po’ più solenne»Articolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

Quella rapina finita nel sangue a Tronzano nel novembre 1896

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo
Quella rapina finita nel sangue a Tronzano nel novembre 1896

TRONZANO Lo scorso anno Massimo Borro, docente al Liceo classico “Sella” di Biella, già assessore alla cultura del Comune di Tronzano e ora presidente della Biblioteca Civica, ha pubblicato Novembre 1896.Una tragedia tronzanese.

Nel piccolo volume lo studioso ricostruisce alla luce dei documenti, fonti d’archivio e giornali dell’epoca, una ferita inferta all’intera comunità di Tronzano. Nella notte tra il 19 e il 20 novembre 1896 tre malviventi forzano il cancello del cimitero, dove sorge la monumentale chiesa medioevale di San Pietro. Non riescono ad entrare nell’edificio sacro e si dirigono allora verso il campanile, in cui si trova l’abitazione del custode. Saliti con una scala trovata in loco vi si introducono, ma il tramestio risveglia Giuseppe Assone, sessantenne nativo di Santhià, e la moglie Maria Vaccagno, di 55. Egli scende armato di bastone e falcetto, quasi nell’oscurità, e si trova di fronte i tre. Viene ferito a morte a colpi di rivoltella (gli sparano cinque volte e due ledono i suoi organi) e così la moglie, appena sopraggiunta, viene colta da un proiettile. Due dei loro bambini, di 9 e 11 anni, assistono alla terribile scena ma riescono a salvarsi, così come gli altri figli che erano rimasti nella stanza da letto.

Il libro ricostruisce in serrati capitoli chi sono gli imputati e i fatti salienti delle indagini, seguite dal processo, scandito da interrogatori, testimonianze e arringhe.

Si giunge così alla sentenza, che vede i cugini Teobaldo e Benedetto Semenza, torinesi di origine bianzinese, il primo pregiudicato, condannati all’ergastolo, con cinque anni di segregazione cellulare, Francesco Pavia, garzone del primo, non ancora ventunenne, condannato a trent’anni con sorveglianza speciale più altri tre.

Nel 1901 l’area interna al campanile, teatro del duplice omicidio, viene dichiarata insalubre per l’insufficiente ricambio d’aria e non verrà più abitata.

Un allegato fotografico mostra i luoghi dove avvenne il fatto di sangue, la porta d’ingresso al campanile, la scala che collega quella che era la cucina al soppalco, la camera da letto, ed anche la cella campanaria, con i dettagli di una campana datata 1721.

Conclude lo studio “Frammenti di vita tronzanese”, che raccoglie alcuni articoli a contestualizzare la vita dei paesi del Vercellese nell’epoca umbertina.

L’autore, che nel 1991 aveva pubblicato sotto l’egida del Comune la biografia del filologo, orientalista e patriota tronzanese Giacomo Lignana, dedica i proventi del nuovo libro all’acquisto di testi e al potenziamento della struttura museale della Biblioteca di Tronzano.

Claudia Carra

Massimo Borro, Novembre 1896. Una tragedia tronzanese, 2013.

novembre 1896

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Scegli l’argomento o la tua città

Pubblicità

Nuova stagione teatrale al Civico di Vercelli

Pubblicità

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

Francesco Borasio
September 16, 2017 Francesco Borasio

Impossibile non condividere il testo......oltre agli schiamazzi,una occhiata ai numerosi rifiuti gettati a terra è [...]

vedi articolo
Stefano Di Tano
September 11, 2017 Stefano Di Tano

Sono pienamente d'accordo con la disamina del direttore, e la ritengo fra le più chiare [...]

vedi articolo
gie-uaugizz
June 11, 2017 gie-uaugizz

Scusate, ho dimenticato di sottoscrivere. Fabio Pistan [...]

vedi articolo