Livorno Ferraris: La festa patronale di San LorenzoArticolo precedente
Crescentino ha onorato la Madonna del PalazzoArticolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

Profughi e rifugiati nei nostri paesi: il punto della situazione

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo
Profughi e rifugiati nei nostri paesi: il punto della situazione

Vercelli. (s.b.) La Prefettura di Vercelli sta smistando gli arrivi in diverse strutture dislocate in alcuni centri della provincia. Associazioni, cooperative e onlus hanno partecipato al bando per la gestione dell’accoglienza e del primo periodo di permanenza.

L’arrivo di profughi e migranti nel nostro Paese in un primo momento, nel corso della primavera, aveva richiesto solo alcune basi d’appoggio per una sosta veloce, prevalentemente notturna: l’Italia come tappa di un percorso più lungo e organizzato, volto al raggiungimento di mete individuate in precedenza.

In seconda battuta, invece, chi raggiunge il nostro Paese non riparte subito; è quindi sorto il problema di gestire la stanzialità. Il primo passo è stato l’emissione di un bando in tutte le province italiane per individuare quelle cooperative o associazioni che avessero i requisiti, tra questi l’esperienza, per organizzare la pratica quotidiana all’interno delle strutture individuate dalla Prefettura. Al momento sono operative la Sereni Orizzonti a Borgo d’Ale, la Obiettivo onlus a Saluggia e Palazzolo, che si appoggia alla consorella Zoe per la parte logistica. A loro sono affidati i compiti di predisporre in modo adeguato i locali collocandovi letti e altre elementi necessari, fornire i pasti e sopperire alle prime necessità.

Restano aperti altri aspetti, che in queste settimane si sono andati chiarendo: come far trascorrere il tempo in attesa dei documenti, quali siano le possibili forme di integrazione, tenendo conto anche delle diverse nazionalità, sono infatti provenienti da due continenti, Africa e Asia.

Altri articoli a pag. 2 de la Gazzetta di mercoledì 27 agosto:

  • Chi paga, e quanto: Trenta euro al giorno. A loro, in tasca, 2,50
  • A Crescentino: La Croce Rossa: li portiamo dall’aeroporto all’ospedale e da lì nei diversi centri.
  • A Saluggia: L’associazione Dar Essalam: forniamo loro generi di prima necessità, li aiutiamo per i documenti e organizziamo un corso base di italiano.
  • A Palazzolo: Lavoro volontario di piccola manutenzione in attesa dei documenti per lasciare l’Italia.

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Scegli l’argomento o la tua città

Pubblicità

la prima pagina del giornale in edicola

Mercoledì 10 Dicembre 2014 la prima pagina del giornale in edicola

Pubblicità

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

Combine per far dimettere l’opposizione? Potete attaccarvi al tram. | Paola Olivero
December 29, 2014 Combine per far dimettere l’opposizione? Potete attaccarvi al tram. | Paola Olivero

- essere rinviato a giudizio per calunnia nei confronti di un pubblico dipendente http://www.lagazzetta.info/pasteris-denuncia-il-geom-ceresa-per-abuso-dufficio-e-peculato-ma-e-un-bo… [...]

vedi articolo
Jokrah
August 12, 2014 Jokrah

La toponomastica funziona. Dovrebbero funzionare però anche i ritrovamenti archeologici. Anche nell'area nord orientale del [...]

vedi articolo