Livorno Ferraris: La festa patronale di San LorenzoArticolo precedente
Crescentino ha onorato la Madonna del PalazzoArticolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

Profughi e rifugiati nei nostri paesi: il punto della situazione

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo
Profughi e rifugiati nei nostri paesi: il punto della situazione

Vercelli. (s.b.) La Prefettura di Vercelli sta smistando gli arrivi in diverse strutture dislocate in alcuni centri della provincia. Associazioni, cooperative e onlus hanno partecipato al bando per la gestione dell’accoglienza e del primo periodo di permanenza.

L’arrivo di profughi e migranti nel nostro Paese in un primo momento, nel corso della primavera, aveva richiesto solo alcune basi d’appoggio per una sosta veloce, prevalentemente notturna: l’Italia come tappa di un percorso più lungo e organizzato, volto al raggiungimento di mete individuate in precedenza.

In seconda battuta, invece, chi raggiunge il nostro Paese non riparte subito; è quindi sorto il problema di gestire la stanzialità. Il primo passo è stato l’emissione di un bando in tutte le province italiane per individuare quelle cooperative o associazioni che avessero i requisiti, tra questi l’esperienza, per organizzare la pratica quotidiana all’interno delle strutture individuate dalla Prefettura. Al momento sono operative la Sereni Orizzonti a Borgo d’Ale, la Obiettivo onlus a Saluggia e Palazzolo, che si appoggia alla consorella Zoe per la parte logistica. A loro sono affidati i compiti di predisporre in modo adeguato i locali collocandovi letti e altre elementi necessari, fornire i pasti e sopperire alle prime necessità.

Restano aperti altri aspetti, che in queste settimane si sono andati chiarendo: come far trascorrere il tempo in attesa dei documenti, quali siano le possibili forme di integrazione, tenendo conto anche delle diverse nazionalità, sono infatti provenienti da due continenti, Africa e Asia.

Altri articoli a pag. 2 de la Gazzetta di mercoledì 27 agosto:

  • Chi paga, e quanto: Trenta euro al giorno. A loro, in tasca, 2,50
  • A Crescentino: La Croce Rossa: li portiamo dall’aeroporto all’ospedale e da lì nei diversi centri.
  • A Saluggia: L’associazione Dar Essalam: forniamo loro generi di prima necessità, li aiutiamo per i documenti e organizziamo un corso base di italiano.
  • A Palazzolo: Lavoro volontario di piccola manutenzione in attesa dei documenti per lasciare l’Italia.

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Scegli l’argomento o la tua città

Pubblicità

Pubblicità

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

direttore
May 06, 2017 direttore

egregio FR, - qui non si sta parlando di Piani Regolatori: si sta parlando di Piani [...]

vedi articolo
FR
May 06, 2017 FR

Per concludere, nel caso ci fosse un evento d'emergenza come quelli citati da lei, ciò [...]

vedi articolo
FR
May 06, 2017 FR

Nell'articolo però il pericolo dei rifiuti radioattivi è messo alla pari di un incidente nucleare [...]

vedi articolo