SALUGGIA: Tentato furto all’enoteca BaldovinoArticolo precedente
Inseguimento in autostrada: sul furgone c’era hashishArticolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

Processo “Terre d’acqua”: sei assoluzioni e due condanne

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo

VERCELLI. (r.g.) Rinviati alla Procura gli atti per il giornalino propagandistico e le telefonate.

Roberto Rosso

Due condanne, per l’ex assessore comunale di Trino Alessandro Giolito (2 anni) e per l’ex assessore provinciale Roberto Saviolo (2 mesi, in continuazione con condanne precedenti che portano il totale a due anni). Poi una lunga serie di assoluzioni, e un rinvio degli atti alla procura per riformulare un capo di imputazione: così si è chiuso il processo per “Terre d’acqua”, la società di promozione del territorio fondata dal parlamentare trinese Roberto Rosso che secondo l’accusa sarebbe stata in realtà un mezzo di promozione, con l’utilizzo spregiudicato di fondi pubblici, per promuovere l’immagine politica degli amministratori. I capi di imputazione erano pesanti, associazione a delinquere e peculato.

Per l’ex sottosegretario il collegio presieduto da Maria Teresa Guaschino (a latere Massaro e Dovesi) decide l’assoluzione «per mancanza della prova». Stessa formula per l’ex direttore generale della Provincia Gianfranco Chessa, per gli ex assessori Saviolo e Giolito, per altri reati.

Il collegio assolve, invece, «perché il fatto non sussiste» il politico casalese Nicola Sirchia, ex amministratore di Terre d’acqua, Tino Candeli, sempre amministratore della società, l’ex sindaco di Trino Giovanni Ravasenga e l’esperta in beni culturali Cinzia Joris.

Il Tribunale rinvia invece gli atti alla procura per il capo di imputazione che riguarda il giornalino Terre d’acqua News e le telefonate sul territorio (140 mila euro spesi dalla Provincia). L’ipotesi di reato, che riguarda l’ex sottosegretario, Gianfranco Chessa e altri funzionari della Provincia individuati dalla perizia del Tribunale, è l’abuso d’uffi cio (un reato per cui si è vicini alla prescrizione). Attraverso il giornalino non ci sarebbe stata una distrazione di denaro pubblico, ma i politici avrebbero ottenuto un profi tto con una campagna personale di diffusione della propria immagine.

La condanna per l’ex assessore Giolito è legata alla vicenda dell’allora moglie, che risultava a libro paga di Terre d’acqua senza in realtà essere assunta e neppure informata. Per lui anche l’interdizione, per due anni, dai pubblici uffi ci. Condanna a due mesi, infi ne, per l’ex assessore Saviolo, con un reato trasformato in corruzione, per la vicenda del progetto Morfè e la cooperativa di pulizie coinvolta in un progetto culturale. Le motivazioni verranno depositate entro 90 giorni.

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Scegli l’argomento o la tua città

Nuova stagione teatrale al Civico di Vercelli
Dario Casalini al Civico di Vercelli

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

Francesco Borasio
September 16, 2017 Francesco Borasio

Impossibile non condividere il testo......oltre agli schiamazzi,una occhiata ai numerosi rifiuti gettati a terra è [...]

vedi articolo
Stefano Di Tano
September 11, 2017 Stefano Di Tano

Sono pienamente d'accordo con la disamina del direttore, e la ritengo fra le più chiare [...]

vedi articolo
gie-uaugizz
June 11, 2017 gie-uaugizz

Scusate, ho dimenticato di sottoscrivere. Fabio Pistan [...]

vedi articolo