Una Pro con poche idee perde a PescaraArticolo precedente
Alla ricerca del dialogoArticolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

Pro, con l’Entella solo un punticino

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo
Pro, con l’Entella solo un punticino

Al gol dell’ex La Mantia risponde Bifulco: un 1-1 che lascia entrambe le squadre nelle zone basse della classifica. Ora due trasferte difficili: a Parma (senza Legati) e a Venezia

VERCELLI (u.l.) – E va sempre così: nelle dichiarazioni della settimana – soprattutto se si viene da una sconfitta – siamo sempre e comunque alla vigilia di «una partita importante da vincere assolutamente» (e questa, in effetti, lo era). Poi si pareggia, come oggi con un Entella per nulla irresistibile, e si lascia lo stadio con una sensazione di incompiutezza.
I liguri si sono presentati al “Piola” – accompagnati da una cinquantina di tifosi che hanno introdotto e fatto scoppiare in curva almeno tre bombe carta: complimenti – reduci da quattro pareggi e tre sconfitte, e fuori casa non segnavano un gol dal 21 ottobre. A Vercelli – che ormai è un po’ come Lourdes – sono riusciti ad interrompere il digiuno, e fino a mezz’ora dalla fine stavano pure vincendo.

Formazioni più o meno come previsto alla vigilia: nella Pro rientrano Vives e Mammarella, Castiglia torna a far la mezzala, l’unica novità è Firenze in panchina: a partire come esterno d’attacco è Bifulco. Nell’Entella c’è dal’inizio bomber La Mantia, mentre gli altri ex Luppi e Ardizzone iniziano in panchina.

Il primo tempo delle Bianche Casacche è molto sotto le aspettative: costruiscono poco, prendono un gol (al 21′: De Luca sulla sinistra salta agevolmente Ghiglione e pennella un preciso cross sulla testa di La Mantia, abile ad inserirsi in area: è un ex, non esulta) e tre ammonizioni (Castiglia, Bergamelli e Legati: quest’ultimo, già diffidato, salterà la trasferta a Parma), ed escono tra i fischi del “Piola”.
Grassadonia inizia il secondo tempo con Firenze al posto di Germano, e al 65′ la Pro pareggia: cross di Mammarella, ottimo inserimento di Bifulco che insacca di testa alle spalle di Iacobucci: 1-1. Pochi minuti prima, sempre su cross di Mammarella, Raicevic aveva segnato in tuffo ma il gol era stato annullato per fuorigioco. Aglietti inserisce Diaw e gli ex Luppi e Ardizzone, Grassadonia manda in campo Vajushi e Altobelli, ma il risultato non cambia più.
Una ripresa che la Pro ha giocato meglio, sufficiente per pareggiare ma non per fare bottino pieno. Molto nervosismo a centrocampo: alla fine gli ammoniti saranno otto.

Qualche numero: su 16 partite di campionato finora disputate, la Pro ne ha vinte 4. Il centravanti Raicevic è tuttora fermo a quota 2 gol (mentre Caputo dell’Empoli ne ha segnati 14, Pettinari del Pescara 10 e Nestorovski del Palermo 10, Galano del Bari 9…), a tener su la baracca bicciolana sono le reti di Firenze, Castiglia e Morra (4 ciascuno). Oggi non c’erano alibi di formazione (rientrati gli indispensabili Vives e Mammarella, indisponibili solo i lungodegenti Jidayi e Rovini), ma per tutto il primo tempo s’è vista una Pro con poche idee e poca “cattiveria” sotto porta.

La classifica piange: con il pareggio odierno, la Pro resta appaiata all’Entella a quota 17. Fra le dirette concorrenti nella lotta per non retrocedere ne approfitta lo Spezia, che con una rotonda vittoria sul Pescara sale a 20, e anche il fanalino di coda Ascoli coglie un importante punto con la Cremonese e sale a 14. Le altre squadre invischiate nella parte bassa della classifica (Cesena, Ternana, Foggia, Perugia e Brescia) giocheranno domani e lunedì. Resta il fatto che la partita di oggi era un’ottima occasione – non sfruttata – per lasciare indietro l’Entella, e che con una media di un poco più di un punto a partita (17 in 16 partite) è ben difficile salvarsi.
Per la Pro ora il calendario si fa difficile: nella prima metà di dicembre dovrà affrontare due trasferte, a Parma e a Venezia, contro due squadre che puntano alla promozione in Serie A e che devono recuperare le sconfitte odierne. Al “Piola” si tornerà poi sabato 16 per incontrare un’altra ligure, lo Spezia: un’altra – lo diciamo fin d’ora – «partita importante da vincere assolutamente».

PRO VERCELLI (4-1-2-3): Marcone; Ghiglione, Legati, Bergamelli, Mammarella; Vives; Germano (1’ st Firenze), Castiglia; Bifulco (27’ st Vajushi), Raicevic, Morra (39’ st Altobelli). A disposizione: Nobile, Berra, Rocca, Konate, Barlocco, Gilardi, Pugliese, Polidori, Bruno. All. Grassadonia.
VIRTUS ENTELLA (4-3-1-2): Iacobucci; Belli, Benedetti, Pellizzer, Brivio; Eramo (39’ st Ardizzone), Troiano, Crimi; Nizzetto (27’ st Diaw); La Mantia, De Luca (21’ st Luppi). A disposizione: Paroni, Massolo, De Santis, Cleur, Di Paola, Mota Carvalho, Currarino, Baraye. All. Aglietti.
Arbitro: Marinelli di Tivoli
Reti: 21′ La Mantia (VE), 65′ Bifulco (PV)
Ammoniti: Castiglia (PV), Bergamelli (PV), Legati (PV), Eramo (VE), Brivio (VE), Crimi (VE), Morra (PV), Pellizzer (VE).

[nella foto: il portiere Iacobucci esce con i pugni anticipando Morra]

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

<

Scegli l’argomento o la tua città

Nuova stagione teatrale al Civico di Vercelli
Fondazione Cassa di Risparmio di Vercelli

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

Francesco Borasio
September 16, 2017 Francesco Borasio

Impossibile non condividere il testo......oltre agli schiamazzi,una occhiata ai numerosi rifiuti gettati a terra è [...]

vedi articolo
Stefano Di Tano
September 11, 2017 Stefano Di Tano

Sono pienamente d'accordo con la disamina del direttore, e la ritengo fra le più chiare [...]

vedi articolo
gie-uaugizz
June 11, 2017 gie-uaugizz

Scusate, ho dimenticato di sottoscrivere. Fabio Pistan [...]

vedi articolo