Se il Consiglio comunale è ormai solo una fastidiosa necessitàArticolo precedente
Manca il numero legale, salta il Consiglio sulle piscineArticolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

Pro: a Novara un punto (e un rigore parato)

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo
Pro: a Novara un punto (e un rigore parato)

Il derby si conclude a reti inviolate. Infortunio a Mammarella, espulso Palazzi. Un tifoso cade dalla balaustra, è in ospedale. Sabato al “Piola” arriva il Verona

La Pro Vercelli coglie a Novara il quarto risultato utile consecutivo: è un buon periodo per la squadra di Longo, dopo il buio di inizio anno (tra gennaio e febbraio quattro sconfitte in cinque gare). A Novara, anzi – dove comunque i padroni di casa, che in classifica hanno 11 punti in più, hanno “fatto” la partita – si è sfiorato il colpaccio, quando a metà del primo tempo l’arbitro ha assegnato un rigore alle Bianche Casacche per un fallo del portiere azzurro Da Costa su Aramu lanciato da Da Costa; lo stesso Aramu, però, si è fatto parare il penalty. A metà ripresa, poi, la Pro è rimasta in dieci per l’espulsione di Palazzi (già diffidato, doppia ammonizione: salterà la prossima partita), ma è riuscita a contenere gli assalti dei locali.
Longo ha schierato l’ormai consueto 3-4-2-1, con Konate ancora titolare in difesa (Legati in panchina) accanto al rientrante Luperto, e Germano sulla fascia destra (Berra è entrato nella ripresa rilevando Aramu). Cambio forzato, poco prima della mezz’ora, sulla sinistra: Mammarella, infortunato, è stato sostituito da Eguelfi, che finora ha avuto poche occasioni per mettersi in luce. In panchina si sono rivisti Morra e Nardini, che in settimana erano tornati ad allenarsi con il gruppo. In campo nel finale, per qualche minuto, anche Comi, che ha dato il cambio a Bianchi.

Nota di cronaca: nel finale paura per un tifoso della Pro caduto da una balaustra del settore ospiti, da un’altezza di circa tre metri. Andrea P., 30 anni, è stato trasportato all’ospedale Maggiore, cosciente, dall’ambulanza del 118; ha rimediato un trauma cranico ed è tenuto sotto stretta osservazione dai medici.

Con questo pareggio la Pro sale a 33 punti, staccando di un’ulteriore lunghezza Cesena, Latina e Brescia – tutte sconfitte, in questa trentesima giornata – che restano a quota 31. In coda la Ternana batte il Trapani e lo aggancia a 26 punti. La classifica è ora nettamente spezzata in due tronconi: le prime undici squadre – comprese Entella e Carpi, a quota 43 – lottano per la promozione e l’accesso ai playoff, le altre undici (da Salernitana e Avellino, 36 punti, in giù) si disputano retrocessione e playout. Sabato 18 al “Piola” arriva il Verona, che ha in attacco il capocannoniere Pazzini e che – con Spal e Frosinone – è una delle più accreditate aspiranti a salire in Serie A.

NOVARA (3-4-1-2): Da Costa; Lancini, Mantovani, Chiosa; Kupisz, Cinelli (34’st Di Mariano), Casarini, Calderoni (26’st Orlandi); Sansone; Macheda (42’st Lukanovic), Galabinov. A disposizione: Montipò, Scognamiglio, Malberti, Adorjan, Selasi, Koch. All. Boscaglia.
PRO VERCELLI (3-4-2-1): Provedel; Konate, Bani, Luperto; Germano, Palazzi, Vives, Mammarella (27’pt Eguelfi); Aramu (28’st Berra), Emmanuello; Bianchi (39’st Comi). A disposizione: Zaccagno, Nardini, Morra, Legati, Castiglia, Osei. All. Longo.
Arbitro: Sacchi di Macerata
Ammoniti: Palazzi (PV), Di Mariano (N), Mantovani (N)
Espulso: Palazzi (PV) al 25’st per doppia ammonizione.

[nella foto di Andrea Cherchi: Da Costa para il rigore calciato da Aramu]

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Scegli l’argomento o la tua città

Pubblicità

la prima pagina del giornale in edicola

Mercoledì 10 Dicembre 2014 la prima pagina del giornale in edicola

Pubblicità

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

Combine per far dimettere l’opposizione? Potete attaccarvi al tram. | Paola Olivero
December 29, 2014 Combine per far dimettere l’opposizione? Potete attaccarvi al tram. | Paola Olivero

- essere rinviato a giudizio per calunnia nei confronti di un pubblico dipendente http://www.lagazzetta.info/pasteris-denuncia-il-geom-ceresa-per-abuso-dufficio-e-peculato-ma-e-un-bo… [...]

vedi articolo
Jokrah
August 12, 2014 Jokrah

La toponomastica funziona. Dovrebbero funzionare però anche i ritrovamenti archeologici. Anche nell'area nord orientale del [...]

vedi articolo