Il Trio Bono: cover rock riarrangiate con voce, chitarra, basso e batteriaArticolo precedente
Dal 6 febbraio - SANTHIÀ: Inizia in Biblioteca un corso di disegnoArticolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

Per il crescentinese Tizianello, La genetica non è chinotto

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo
Per il crescentinese Tizianello, La genetica non è chinotto

CRESCENTINO. Enrico Tizianello, crescentinese di adozione, scrisse nel 2009 Una storia qualunque, ovvero la sua, raccontando al lettore all’incirca quattro decenni di esistenza. Nel 2013 è uscito il seguito, La genetica non è chinotto.

la genetica non è chinotto di Tizianello Enrico

La scrittura brilla per ironia, ma non ottimismo: pare una formula di difficile applicazione, come si fa ad essere ironici e pessimisti, possedere la sensibilità di un artista e la mente di un illuminista? Il nostro ci riesce, così ci si ricollega al libro precedente attraverso un legame affettivo che è purtroppo declinato, con tutte le conseguenze del caso, dai litigi al trasloco, dalla rabbia alla solitudine. Non manca la solita acutezza visiva della sfortuna, che volendo dimostrare a Tizianello il suo attaccamento anche quando amici e conoscenti si dileguano, ecco la cassa integrazione, la malattia della madre, le delusioni artistiche.

Ogni tanto però spunta un fiore. Una passaggio radiofonico di una canzone, un concerto nel paese vicino e «intorno a me non esisteva più niente e io fissavo rapito quel cantante che era in toto l’immagine di cosa, chi e come avrei voluto essere io», capelli lungi, voce particolare, abbigliamento hippy: così conosce Augusto Daolio, leader storico dei Nomadi.

Anche nel giardino di casa ci sono novità, all’orizzonte sentimentale compare Gabriella, forte, dolce e pronta a condividere il fardello di ansie e cataclismi che si abbattono sul protagonista, oltre ad essere pittrice (la copertina è tratta da una sua opera). In realtà Tizianello trova sempre una soluzione ai problemi, dal corso per restauratore all’alloggio in cui ospitare i genitori, dal mezzo pubblico con cui tornare a casa ad una sistemazione per gatta e cinque gattini, ma ciò che rimane sospesa è la risposta alla domanda “perché succede a me?”, quesito che fa scattare l’affinità coi lettori.

Il pensiero si rivolge quindi ai ricordi, un po’ perché era davvero meglio, gli anni Ottanta con le speranze e la gioventù, accoppiata sempre vincente, un po’ perché fanno da filtro al presente. «Il passato è spesso il luogo delle risposte», scrive Sonia Soave nella prefazione, che con molta originalità è stata affidata alla sua psicologa.

Anche in questo secondo lavoro Tizianello segue più il filo dell’ispirazione che quello cronologico, dando così più senso che linearità allo scritto; sarà solo alla fine che si capirà il titolo, affermazione che pone in parallelo la sua vita con quella del padre. Più d’uno i punti di contatto, quasi a dimostrare che la genetica «sconfina in quello che è il campo strettamente legato al destino».

Silvia Baratto

Enrico Tizianello, La genetica non è chinotto, Giraldi Editore, 2013, 11,50 euro.

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Scegli l’argomento o la tua città

Nuova stagione teatrale al Civico di Vercelli
Dario Casalini al Civico di Vercelli

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

Francesco Borasio
September 16, 2017 Francesco Borasio

Impossibile non condividere il testo......oltre agli schiamazzi,una occhiata ai numerosi rifiuti gettati a terra è [...]

vedi articolo
Stefano Di Tano
September 11, 2017 Stefano Di Tano

Sono pienamente d'accordo con la disamina del direttore, e la ritengo fra le più chiare [...]

vedi articolo
gie-uaugizz
June 11, 2017 gie-uaugizz

Scusate, ho dimenticato di sottoscrivere. Fabio Pistan [...]

vedi articolo