Ad Alice Castello pagare le imposte era facoltativoArticolo precedente
Sversamento radioattivo, se ne parlerà in Commissione ambienteArticolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

Pedrale a giudizio perché firmava i rimborsi dei colleghi del Pdl

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo
Pedrale a giudizio perché firmava i rimborsi dei colleghi del Pdl
Articoli correlati

Torino. (r.sc) Il crescentinese, in qualità di capogruppo, ha avallato le spese di Comba, Leo e Vignale. Per l’uso personale dei fondi aveva già patteggiato, a maggio, una condanna a 18 mesi.

Per uscire dal procedimento giudiziario che lo vedeva indagato, insieme a numerosi colleghi, per l’uso indebito dei fondi destinati ai gruppi consiliari della Regione Piemonte, nel maggio scorso il crescentinese Luca Pedrale aveva patteggiato una pena di 18 mesi di reclusione con la condizionale, e aveva restituito i fondi.

Pedrale, però, all’epoca era anche capogruppo del Pdl in Consiglio regionale: con quel ruolo controfirmava anche i rimborsi chiesti dagli altri consiglieri del suo gruppo. Ora il giudice per le indagini preliminari Roberto Ruscello, dopo aver sollevato d’ufficio la proposta della Procura di archiviare le accuse di peculato per alcuni consiglieri, per dieci di loro (fra i quali Pedrale) ha restituito gli atti ai pubblici ministeri Andrea Beconi, Enrica Gabetta e Giancarlo Avenati Bassi: nei confronti di questi dieci, ora, la Procura – entro dieci giorni dalla comunicazione dell’ordinanza – dovrà formulare un’imputazione e depositare una richiesta di rinvio a giudizio.

Pedrale è fra questi dieci proprio perché, con la sua firma, ha avallato le spese dei colleghi Fabrizio Comba, Giampiero Leo e Gianluca Vignale.

Dopo la richiesta di rinvio a giudizio verrà fissata un’altra udienza preliminare, davanti a un altro giudice. In quell’occasione i consiglieri potranno eventualmente optare per un rito alternativo (patteggiamento o giudizio abbreviato) oppure discutere la propria posizione, cercando di strappare un proscioglimento.

Pedrale è assistito dagli avvocati Luigi Chiappero e Carlo Federico Grosso.

Nella foto: Luca Pedrale quand’era in Consiglio Regionale.

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Scegli l’argomento o la tua città

Pubblicità

la prima pagina del giornale in edicola

Mercoledì 10 Dicembre 2014 la prima pagina del giornale in edicola

Pubblicità

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

Combine per far dimettere l’opposizione? Potete attaccarvi al tram. | Paola Olivero
December 29, 2014 Combine per far dimettere l’opposizione? Potete attaccarvi al tram. | Paola Olivero

- essere rinviato a giudizio per calunnia nei confronti di un pubblico dipendente http://www.lagazzetta.info/pasteris-denuncia-il-geom-ceresa-per-abuso-dufficio-e-peculato-ma-e-un-bo… [...]

vedi articolo
Jokrah
August 12, 2014 Jokrah

La toponomastica funziona. Dovrebbero funzionare però anche i ritrovamenti archeologici. Anche nell'area nord orientale del [...]

vedi articolo