La Pro Vercelli cade anche ad AscoliArticolo precedente
Buchi, cave e movimento terra tra mafie ambientali e omertà politicaArticolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

Nucleare: il Governo vuole ridurre le “compensazioni” ai Comuni. Portinaro (Anci) non è d’accordo

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo
Nucleare: il Governo vuole ridurre le “compensazioni” ai Comuni. Portinaro (Anci) non è d’accordo

In discussione alla Commissione Affari Costituzionali del Senato un emendamento al decreto “Milleproroghe” per modificare i criteri di calcolo: arriverebbero meno soldi a Saluggia, Trino (che ospitano le scorie) e Comuni limitrofi.

ROMA. La Commissione Affari Costituzionali del Senato, impegnata nell’esame del cosiddetto “decreto Milleproroghe”, discuterà nelle prossime ore un emendamento – presentato dal Governo – volto a ridurre le “compensazioni” erogata annualmente dal Cipe ai Comuni sedi di impianti e depositi nucleari.
L’Anci – associazione dei Comuni – non è d’accordo. Alessandro Portinaro, esponente del Pd, sindaco di Trino e presidente della Consulta Anci dei Comuni sede di Servitù nucleari, ha dichiarato: «Facciamo appello ai Senatori della commissione Affari costituzionali, affinché sostengano le proposte dell’Anci volte a scongiurare la riduzione delle compensazioni destinate ai Comuni che ospitano i vecchi impianti nucleari. Diversamente, saremo di fronte a una forte perdita di credibilità del progetto relativo al Deposito nazionale delle scorie nucleari».
«L’emendamento per la riduzione delle compensazioni, proposto dal Governo, modifica i criteri di calcolo dei fondi compensativi per Comuni e Province sedi di servitù nucleare (e Comuni confinanti) riducendone l’entità. Si tratta a nostro modo di vedere – spiega Portinaro – di una scelta sbagliata: è un intervento che non trova altra giustificazione se non quella di produrre un danno ai Comuni, dato che la finanza pubblica non trarrebbe alcun vantaggio dalla riduzione delle compensazioni».
«La riduzione delle compensazioni – aggiunge Portinaro – sarebbe piuttosto un pessimo segnale nei confronti di quei territori che continuano ad ospitare gli impianti nucleari a 30 anni dal referendum del 1987, e che dovranno ospitarli per almeno altri 10 o 15 anni: ridurre oggi i fondi disponibili per le compensazioni territoriali comporta il rischio di far perdere credibilità all’intero progetto di realizzazione del Deposito Nazionale delle scorie, visto che di fatto, a oggi, il percorso non è stato neanche avviato».

* * *

Se tagliano i fondi… forse i sindaci si svegliano

Da quando – è ormai un decennio – i Comuni sedi di ex centrali nucleari o di depositi provvisori di materiale radioattivo ricevono le “compensazioni nucleari”, qualcuno ha più avuto notizia di iniziative dei sindaci per sollecitare il percorso di individuazione del sito e realizzazione del Deposito Nazionale per le scorie radioattive? Noi no. Abbiamo solo avuto notizia di sindaci che chiedevano di utilizzare le compensazioni «senza vincoli», o di sindaci di Comuni limitrofi che chiedevano di essere inseriti anch’essi nell’elenco dei beneficiari. In una breve rassegna stampa non troviamo titoli “Portate via le scorie dai siti inidonei”, ma piuttosto “Come usare quei soldi lo vogliamo decidere noi” e “Date le compensazioni anche a noi”.
Se il Governo tagliasse questi fondi, l’iter verso il Deposito Nazionale – che, appena avviato, si è arenato nei cassetti dei Ministeri – anziché «perdere credibilità» (come sostiene Portinaro) probabilmente ripartirebbe: finalmente qualcuno, nei Comuni che in questi anni hanno taciuto in cambio di (tanti) soldi, comincerebbe di nuovo a chiedersi: ma perché queste scorie, dopo tutto questo tempo, devono restare ancora qui? E perché i nuovi depositi vengono costruiti qui?   (u.l.)

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Scegli l’argomento o la tua città

Nuova stagione teatrale al Civico di Vercelli
Dario Casalini al Civico di Vercelli

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

Francesco Borasio
September 16, 2017 Francesco Borasio

Impossibile non condividere il testo......oltre agli schiamazzi,una occhiata ai numerosi rifiuti gettati a terra è [...]

vedi articolo
Stefano Di Tano
September 11, 2017 Stefano Di Tano

Sono pienamente d'accordo con la disamina del direttore, e la ritengo fra le più chiare [...]

vedi articolo
gie-uaugizz
June 11, 2017 gie-uaugizz

Scusate, ho dimenticato di sottoscrivere. Fabio Pistan [...]

vedi articolo