Vita e opere di Giacomo Lignana intellettuale tronzanese dell’OttocentoArticolo precedente
CRESCENTINO: Novantaduemila euro di spese legaliArticolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

Nella stagione dell’attesa nascono i Racconti onirici del ciglianese Zena

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo

CIGLIANO. (c.car.) «Vita banale: lavoro, matrimonio, fi gli, divorzio, hobby e (in un amen) ecco arrivata la stagione dell’attesa. L’attesa della morte. Mentre aspetto però vorrei raccontarti quella parte della mia vita non determinata da nessuna cultura e da nessun altro essere umano. Parlo della mia parte onirica.

Racconti onirici

Quella che Freud ha defi nito come il deposito del nostro es. Ed è proprio da quel deposito, che sta determinando la mia fi losofi a di vita, che voglio riportare alla luce offuscante della realtà qualche sogno e raccontartelo, nella speranza (lasciami sperare) di crearti qualche dubbio per quel che riguarda appunto il senso della vita».

Così si apre la premessa di Racconti onirici, la più recente opera di Ermes Zena, ciglianese di origine emiliana la cui produzione letteraria è cominciata nel 2005, con una raccolta di poesie, Pensieri poetici, seguita da una di aforismi e da un testo teatrale.

Al termine degli anni dell’attività lavorativa, durante la quale gli è sempre stata fedele compagna la lettura, l’autore si è dedicato così ad esplorare l’animo umano nelle sue diverse declinazioni.

Questi Racconti onirici si ambientano nei luoghi della vita quotidiana che tutti conosciamo: il bar, la strada, la campagna, i palazzi, le case dove prendono vita i protagonisti, che la lente del sogno non deforma ma illumina di squarci di possibilità inattese, percorse dalla voce narrante in prima persona o, come nel racconto lungo a chiusura del volume, Una strana storia d’amore tra sogno e realtà, ricostruite da un punto di vista esterno.

L’espediente narrativo e psicologico della sospensione della realtà dà agio a Zena di toccare i due poli opposti: vedere vividamente selvaggi con lance nelle nostre campagne e parole che dialogano tra l’erba di un prato o diventare il rigorista della partita più importante del mondo fa saltare le consequenzialità rigide della razionalità e mette così meglio a fuoco in condizioni più estreme temi importanti della vita, scrupoli e domande che si agitano dentro all’uomo.

I racconti si concludono con un epilogo che commenta con il senno della veglia l’argomento del “sogno” precedente: la comunicazione e la sua etica, il calcio come metafora degli interessi contrapposti all’onestà, l’amicizia, sentimento profondo che può lasciare spazio al desiderio di dominio sull’altro, l’erotismo e la trasgressione, l’amore desiderato, i limiti della giustizia umana e l’immaginata superiorità sull’altro, che da preteso carnefi ce diventa vittima, o ancora l’uomo di fronte alla malattia e ad uno scambio cinico…

Ermes Zena, Racconti onirici, Kimerik, 2009, 12 euro.

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

<

Scegli l’argomento o la tua città

Nuova stagione teatrale al Civico di Vercelli
Fondazione Cassa di Risparmio di Vercelli

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

Francesco Borasio
September 16, 2017 Francesco Borasio

Impossibile non condividere il testo......oltre agli schiamazzi,una occhiata ai numerosi rifiuti gettati a terra è [...]

vedi articolo
Stefano Di Tano
September 11, 2017 Stefano Di Tano

Sono pienamente d'accordo con la disamina del direttore, e la ritengo fra le più chiare [...]

vedi articolo
gie-uaugizz
June 11, 2017 gie-uaugizz

Scusate, ho dimenticato di sottoscrivere. Fabio Pistan [...]

vedi articolo