La dura legge del gol: una Pro Vercelli bella ma sciupona regala i tre punti al TrapaniArticolo precedente
Renzo Masoero: «Non mi candido a sindaco di Saluggia». Costanzo Rosa non si tiene più e lancia Emanuele PedrazziniArticolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

Nel bel mezzo di un gelido inverno

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo
Nel bel mezzo di un gelido inverno

CALCIOMERCATO: COME CAMBIA LA PRO VERCELLI DOPO LA PAUSA DI GENNAIO

La finestra invernale di calciomercato ha permesso alla dirigenza della Pro Vercelli di correggere alcuni errori di valutazione commessi in estate. Nel girone di ritorno, infatti, vedremo una squadra in gran parte rinnovata rispetto a quella presentata a settembre al Teatro Civico.

Il reparto difensivo, nonostante i 29 gol subiti, c’è: Varini e colleghi l’hanno costruito bene. Provedel è stato autore di molti interventi decisivi, il trio Legati-Bani-Luperto è affiatato e mostra sicurezza. Peccato per Mussmann, il cui fisico non regge il calcio agonistico a questi livelli. Resta da capire l’oggetto misterioso Konate, prima infortunato e poi utilizzato solo per scaldare la panchina.
Sulle fasce Germano e Mammarella – quando sono in forma – creano grossi problemi agli avversari. All’occorrenza Berra (undici presenze finora, ma meno di 700 minuti) si fa trovare pronto. Solo una fugace apparizione, invece, per Eguelfi.
A centrocampo Longo, dopo qualche esperimento in autunno, ha definitivamente scelto: il regista titolare non è – come invece sembrava quest’estate – il capitano Budel, bensì il giovane Palazzi; ora però per quel ruolo da Torino arriva Vives, uomo d’esperienza e d’equilibrio. Anche sugli altri due interni di centrocampo il mister pare non avere più dubbi: se non sono infortunati o squalificati partono titolari Altobelli ed Emmanuello; all’occorrenza, poi, entra Castiglia. Ardizzone dopo alcuni scampoli di partita ha salutato la compagnia e s’è accasato in Liguria; in compenso è arrivato Osei.
Quanto agli esterni offensivi, ceduti Mustacchio (lo rimpiangeremo, ma business is business) e il semi-inutilizzato Sprocati restano Vajushi (che però non sarà disponibile prima di un mese) e la novità Aramu. Per Baldini finora solo briciole di partita: in tutto il girone d’andata ha giocato meno di un’ora.
In attacco l’unico a non aver deluso le aspettative è La Mantia: senza i suoi 8 gol oggi la Pro sarebbe in acque ben peggiori. Ebagua si è rivelato inconsistente e cercherà gloria altrove, Malonga non è mai stato preso in considerazione da Longo e ha rescisso il contratto. Sarà la new entry Comi a contendere una maglia da titolare a Morra, che fa tanto movimento ma purtroppo segna poco.

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Scegli l’argomento o la tua città

Pubblicità

la prima pagina del giornale in edicola

Mercoledì 10 Dicembre 2014 la prima pagina del giornale in edicola

Pubblicità

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

Combine per far dimettere l’opposizione? Potete attaccarvi al tram. | Paola Olivero
December 29, 2014 Combine per far dimettere l’opposizione? Potete attaccarvi al tram. | Paola Olivero

- essere rinviato a giudizio per calunnia nei confronti di un pubblico dipendente http://www.lagazzetta.info/pasteris-denuncia-il-geom-ceresa-per-abuso-dufficio-e-peculato-ma-e-un-bo… [...]

vedi articolo
Jokrah
August 12, 2014 Jokrah

La toponomastica funziona. Dovrebbero funzionare però anche i ritrovamenti archeologici. Anche nell'area nord orientale del [...]

vedi articolo