«Aprire le porte ai fratelli che vengono da lontano»Articolo precedente
“Vercelli nel cuore”, un libro dedicato all'avvocato Dario CasaliniArticolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

Ne abbiamo avute di occasioni, perdendole

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo
Ne abbiamo avute di occasioni, perdendole

La Pro Vercelli a Palermo alterna buone giocate a svarioni difensivi, uscendo sconfitta 2-1 e restando così ultima in classifica. Sabato al “Piola” arriva il Cesena, penultimo

A guardarle giocare, non si direbbe che il Palermo è terzo in classifica e la Pro Vercelli ultima: stasera al “Renzo Barbera” tutta questa differenza (di gioco, oltre che di budget per il parco giocatori) non s’è vista. Però il Palermo le partite le vince, e la Pro le perde: ed ecco perché dopo sei giornate una ha dieci punti in più dell’altra.

In uno stadio tutt’altro che gremito (6500 spettatori, di cui duemila abbonati), la compagine rosanero guidata da Tedino è un florilegio di giovani talenti polacchi rinforzata da una selezione dell’ex Jugoslavia: un croato, uno sloveno e un paio di macedoni. Le Bianche Casacche, stasera in tenuta gialla, si presentano con uno schieramento ad albero di Natale: difesa a quattro, centrocampo con Vives affiancato da Castiglia e Germano, Morra unica punta sostenuto dai laterali Bifulco e Firenze (stavolta all’ala sinistra). Mister Grassadonia ha ormai definito le gerarchie: Marcone, Bergamelli e Ghiglione titolari, Nobile, Konate e Berra in panca.

La Pro parte all’arrembaggio, e nel primo quarto d’ora “fa” la partita: Ghiglione, Castiglia e Firenze mettono più volte in difficoltà la difesa rosanero. Il gol è maturo e arriva al 20′: cross di Vives, doppio salvataggio di Posavec che però sul destro di Bifulco non può nulla: 0-1.
Il Palermo reagisce subito, e cinque minuti più tardi Nestorovski, ben servito al limite dell’area, mentre Bergamelli e Mammarella lo guardano ha il tempo di aggiustarsi la palla e di fulminare Marcone: 1-1.
Poi venti minuti di equilibrio, con occasioni che entrambe le squadre non riescono a concretizzare; Posavec si distingue per alcuni interventi decisivi, si va al riposo sul pareggio.
La ripresa inizia nel segno del Palermo: al 6′ Chochev recupera un pallone al limite dell’area e pesca Nestorovski che di sinistro batte ancora Marcone: 2-1.
Grassadonia allora manda fuori tutta l’artiglieria: prima Raicevic (un balcanico ce l’ha anche la Pro) rileva Bifulco, poi Rovini sostituisce Germano infortunato, infine anche Polidori al posto di Morra (giocatore generosissimo ma che – ormai è chiaro – non è una prima punta). Raicevic fa anche un gol, ma è scattato in fuorigioco e l’arbitro annulla. Al 40′ Nestorovski, su un avventato traversone difensivo di Mammarella, tocca la palla con la mano («con la spalla», dice lui all’arbitro): secondo cartellino giallo ed espulsione. Ultimi dieci minuti (cinque di tempo regolamentare e altrettanti di recupero) con schemi saltati e con la Pro ad assediare l’area siciliana, ma senza esito: i tre punti li prende il Palermo.

La Pro Vercelli resta quindi ultima in classifica con 2 punti; appena due gradini più su, a quota 4, c’è il Cesena, che sabato pomeriggio viene al “Piola”: alla settima giornata è già una sfida salvezza. Andrea Camplone, allenatore del Cesena, si gioca la permanenza in panchina: la società romagnola avrebbe contattato Fabrizio Castori, già in bianconero tra il 2003 e il 2008 e che nelle ultime tre stagioni ha allenato il Carpi. A Vercelli, intanto, nonostante la media di un punto ogni tre partite la dirigenza conferma la fiducia a Gianluca Grassadonia.   (u.l.)

PALERMO (3-5-2): Posavec; Cionek, Struna, Szyminski; Rispoli, Gnahoré (16’ st Dawidowicz), Murawski, Chochev, Morganella; Trajkovski (20’ st Embalo), Nestorovski. A disp.: Maniero, Pomini, Accardi, La Gumina, Fiordilino. All.: Bruno Tedino.
PRO VERCELLI (4-3-2-1): Marcone; Ghiglione, Legati, Bergamelli, Mammarella; Germano (29’ st Rovini), Vives, Castiglia; Bifulco (10’ st Raicevic), Firenze; Morra (35’ st Polidori). A disposizione: Nobile, Gilardi, Berra, Altobelli, Vajushi, Konate, Barlocco, Grossi, Bruno. All.: Gianluca Grassadonia.
Arbitro: Baroni di Firenze
Reti: 20′ Bifulco (PV), 25′ e 51′ Nestorovski (PA)
Ammoniti: Nestorovski (PA), Bergamelli (PV), Vives (PV), Muravski (PA), Mammarella (PV)
Espulso: Nestorovski all’85’ per doppia ammonizione.

[nella foto: Bergamelli, Legati e Marcone anticipati da Nestorovski: è la rete decisiva]

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Scegli l’argomento o la tua città

Nuova stagione teatrale al Civico di Vercelli
Dario Casalini al Civico di Vercelli

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

Francesco Borasio
September 16, 2017 Francesco Borasio

Impossibile non condividere il testo......oltre agli schiamazzi,una occhiata ai numerosi rifiuti gettati a terra è [...]

vedi articolo
Stefano Di Tano
September 11, 2017 Stefano Di Tano

Sono pienamente d'accordo con la disamina del direttore, e la ritengo fra le più chiare [...]

vedi articolo
gie-uaugizz
June 11, 2017 gie-uaugizz

Scusate, ho dimenticato di sottoscrivere. Fabio Pistan [...]

vedi articolo