Alla scoperta delle risaie del Vercellese: workshop con il fotografo Marcello LibraArticolo precedente
Crescentino: Il grande affare del terreno dell’ex Casa delle SuoreArticolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

Le numerose proprietà del basilico, “regina delle erbe” fin dall’antichità

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo
Le numerose proprietà del basilico, “regina delle erbe” fin dall’antichità

Il basilico (ocimum basilicum) è una pianta aromatica originaria dell’Africa e dell’Asia che si è acclimatata in Europa da secoli. Essa viene coltivata quasi in tutto il mondo a temperature miti. Il nome deriva dal greco antico basilikòs che significa “regale”, poiché questa pianta era considerata sin dall’antichità quale la regina delle erbe.

Esistono molte varietà di basilico con diverse profumazioni: il basilico comune dall’aroma spiccato; il basilico citriodorum con foglie verdi allungate dal profumo di limone; il purpurascens con foglie violacee arricciate e fiori rosa pallido; il sudamericano con la sua struttura a cespuglio; il minimum con foglie minuscole color verde brillante, che costituisce la varietà più robusta e che meglio sopporta le basse temperature. Questa pianta ha numerose proprietà curative, poiché in dosi opportune è stimolante, antispasmodica, sedativa e digestiva, utile sul piano curativo per l’aerofagia, le cefalee, il meteorismo, il nervosismo, il raffreddore, la tosse, l’insonnia, le irritazioni cutanee dovute ad insetti. Con i suoi fiori e foglie in infuso si possono fare bagni e pediluvi rilassanti. Il basilico inoltre allontana mosche e zanzare. Questo vegetale perde le sue proprietà curative se essiccato, cosicché risulta consigliabile usare il basilico fresco.

La pianta è abbastanza delicata nella sua coltivazione, poiché va seminata in vaso e trapiantata quando la temperatura si fa più dolce. Essa va protetta dal vento e dal sole troppo forte ed in più non va innaffiata eccessivamente perché è soggetta al marciume: va bagnata a mezzogiorno, mai di sera, spruzzando le foglie con acqua calda. Si coltiva bene anche in casa, tanto più che un vaso dinanzi alla finestra allontana gli insetti e profuma l’abitazione.

L’uso culinario del basilico è molto conosciuto. Viene adoperato nel pesto ed in molti piatti tipici dei paesi mediterranei, nell’insalata di pomodoro e nei sughi per la pasta, oltre che per aromatizzare l’aglio e l’olio.

Mirta

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Scegli l’argomento o la tua città

Pubblicità

la prima pagina del giornale in edicola

Mercoledì 10 Dicembre 2014 la prima pagina del giornale in edicola

Pubblicità

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

Combine per far dimettere l’opposizione? Potete attaccarvi al tram. | Paola Olivero
December 29, 2014 Combine per far dimettere l’opposizione? Potete attaccarvi al tram. | Paola Olivero

- essere rinviato a giudizio per calunnia nei confronti di un pubblico dipendente http://www.lagazzetta.info/pasteris-denuncia-il-geom-ceresa-per-abuso-dufficio-e-peculato-ma-e-un-bo… [...]

vedi articolo
Jokrah
August 12, 2014 Jokrah

La toponomastica funziona. Dovrebbero funzionare però anche i ritrovamenti archeologici. Anche nell'area nord orientale del [...]

vedi articolo