Trino: Partecipanza, domenica c’è il referendum sull’estensione dell’ereditarietà alle donneArticolo precedente
Verrua Savoia: Don Corrado Cotti sacerdote da sessant'anniArticolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

Lamporo: Borse di studio per lamporesi e acquisto di un defibrillatore

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo
Lamporo: Borse di studio per lamporesi e acquisto di un defibrillatore
Articoli correlati

Lamporo. (s.b.) Lo scorso anno Carlo Marone, presidente della “Fondazione Conti Pietro – Marone Maria – Ottavis don Francesco”, aveva preannunciato un incremento ed un allargamento delle attività, soprattutto in direzione dei giovani; insieme al consiglio di amministrazione la meta è stata raggiunta.

Sono state istituite alcune borse di studio per gli allievi lamporesi che quest’anno hanno frequentato la quinta elementare; come premio verranno acquistati i libri di testo della scuola media, «la Fondazione può dare servizi, non denaro» specifica Marone. È un contributo consistente, l’ammontare dell’acquisto supera i 300 euro; la scadenza per presentare i documenti richiesti è il 10 luglio.

In pieno divenire il progetto defibrillatore: lo strumento sarà acquistato dalla Fondazione e posizionato in piazza. Nel frattempo una ventina di volontari stanno seguendo il corso per essere abilitati ad usarlo. La formazione è curata dalla Croce Rossa, con la quale è attiva da tempo una collaborazione solidale: la Fondazione ha infatti avviato una convenzione per il trasporto dei malati per visite e ricoveri. Al termine dei corsi si avranno almeno 25 lamporesi in grado di utilizzare lo strumento, alcuni sono volontari Cri e quindi già abilitati.

Un buon riscontro arriva anche dal servizio di fisioterapia che la Fondazione ha messo a disposizione tramite un professionista abilitato che si reca a domicilio. «Le persone che necessitano di questo tipo di servizio si recano dal medico o dallo specialista che redige un protocollo che il fisioterapista seguirà. Si è rivelato utile per chi è allettato o ha subito piccoli o grandi traumi».

Positiva quindi su tutta la linea la risposta alle attività della Fondazione: «abbiamo avuto un bel riscontro anche per il 5×1000, cinquanta persone ci hanno indicati nella dichiarazione dei redditi. Il consiglio di amministrazione è stato molto attivo e la Fondazione, che prima “vivacchiava”, adesso ha preso slancio, a Lamporo sono disponibili servizi che altrove non si hanno».

Nella foto: Carlo Marone.

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Scegli l’argomento o la tua città

Pubblicità

la prima pagina del giornale in edicola

Mercoledì 10 Dicembre 2014 la prima pagina del giornale in edicola

Pubblicità

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

Combine per far dimettere l’opposizione? Potete attaccarvi al tram. | Paola Olivero
December 29, 2014 Combine per far dimettere l’opposizione? Potete attaccarvi al tram. | Paola Olivero

- essere rinviato a giudizio per calunnia nei confronti di un pubblico dipendente http://www.lagazzetta.info/pasteris-denuncia-il-geom-ceresa-per-abuso-dufficio-e-peculato-ma-e-un-bo… [...]

vedi articolo
Jokrah
August 12, 2014 Jokrah

La toponomastica funziona. Dovrebbero funzionare però anche i ritrovamenti archeologici. Anche nell'area nord orientale del [...]

vedi articolo