Una maxi-Unione di Comuni?Articolo precedente
Aliquote della tassa rifiuti: «Sarà un bagno di sangue»Articolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

La tronzanese Paola Camoriano: Sono un’artigiana del fumetto

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo
La tronzanese Paola Camoriano: Sono un’artigiana del fumetto

TRONZANO. Nasce a Tronzano un segno che ritorna nelle storie a fumetti di molte serie a tiratura nazionale. È quello di Paola Camoriano, le cui opere sono da poco on line sul sito www.paolacamoriano. com.

«Fin da piccola disegnavo albi a fumetti molto artigianali – racconta -, con milioni di personaggi da me inventati». Dopo il Liceo artistico a Novara frequenta a Milano la Scuola del Fumetto, una delle prime e più importanti scuole del genere in Italia. «Concluso il triennio, a soli 21 anni, venni subito ingaggiata da Il Giornalino, per cui lavorai fino al 2008».

Durante questi anni è attiva anche come illustratrice e per altre case editrici e nel 2009 inizia la collaborazione con la Star Comics. Il suo più recente lavoro, in fase di pubblicazione per Edizioni Arcadia, è un episodio inedito della serie Dr. Morgue, dal titolo “Nasconditi e muori”, realizzato, in un team tutto al femminile, con le sceneggiatrici Rita Porretto e Silvia Mericone. Negli anni della formazione si appassiona al fumetto francese, in particolare al genere storico.

Della cultura grafica francese e belga in particolare ama Moebius («il più grande tra i grandi, per me»), André Juillard («che ho conosciuto anche personalmente»), Jean-Pierre Gibrat, Régis Loisel, e tra gli italiani «gli intramontabili maestri Sergio Toppi, Gianni De Luca, Ferdinando Tacconi, Sergio Zaniboni, Dino Battaglia, Massimiliano Frezzato…».

Sotto il profilo artistico, «il fumetto è un’arte in espansione ed in continua evoluzione. Il collegamento con il linguaggio cinematografico è sempre molto presente ed il pubblico, abituato alla risoluzione in 3d di film o videogiochi, esige lo stesso tipo di lavorazione e definizione anche dal fumetto. Ciò rappresenta per certi versi un limite, perché si perde la spontaneità del tratto fatto a mano, la genuinità inconfondibile di una pennellata, quell’elemento di “imperfezione” che invece può arricchire un disegno e renderlo “unico”. In questo senso io mi definirei un’artigiana del fumetto».

«Essere fumettista – conclude la disegnatrice tronzanese – non significa svolgere soltanto un lavoro, ma soprattutto assecondare una vera e propria vocazione. Può dare molte soddisfazioni, ma richiede anche una forte autodisciplina, capacità di gestione del tempo, e comporta molti sacrifici».

Claudia Carra

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Scegli l’argomento o la tua città

Pubblicità

la prima pagina del giornale in edicola

Mercoledì 10 Dicembre 2014 la prima pagina del giornale in edicola

Pubblicità

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

Combine per far dimettere l’opposizione? Potete attaccarvi al tram. | Paola Olivero
December 29, 2014 Combine per far dimettere l’opposizione? Potete attaccarvi al tram. | Paola Olivero

- essere rinviato a giudizio per calunnia nei confronti di un pubblico dipendente http://www.lagazzetta.info/pasteris-denuncia-il-geom-ceresa-per-abuso-dufficio-e-peculato-ma-e-un-bo… [...]

vedi articolo
Jokrah
August 12, 2014 Jokrah

La toponomastica funziona. Dovrebbero funzionare però anche i ritrovamenti archeologici. Anche nell'area nord orientale del [...]

vedi articolo