Le numerose e varie attività del Gruppo Alpini di CiglianoArticolo precedente
CIGLIANO: Podismo: i Diavoli Rossi continuano a gareggiare in tutto il PiemonteArticolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

La dedicazione a San Genuario dell’abbazia di Lucedio studiata dallo storico crescentinese Mario Ogliaro

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo

CRESCENTINO. Lo storico crescentinese Mario Ogliaro ha svolto un lungo e approfondito lavoro di ricerca su San Genuario, il santo di cui oggi resta il toponimo della frazione di Crescentino, al quale secoli addietro venne dedicata l’abbazia di Lucedio.

Dedicazione Abbazia LucedioLa dedicazione a San Genuario dell’abbazia di San Michele di Lucedio fra tradizione agiografica e sviluppo cultuale è suddiviso in tre capitoli: Il cambio di intitolazione dell’abbazia, Il martirio di Santa Felicita e La scoperta della tomba di San Genuario.

Un breve ma preciso inquadramento storico permette al lettore di comprendere la cornice longobarda del basso vercellese: nell’839, e non nell’843 come attestato da altri studiosi, Lotario I portò a Lucedio le reliquie del santo; fu probabilmente su sua indicazione che i benedettini optarono per il santo romano, lasciando San Michele arcangelo, retaggio di un passato ariano. In realtà la traduzione del nome Ianuarius era Gennaro, ma fin dal Cinquecento si trova Ianuario e Gianuario, che in dialetto diventa Ginuari.

Il nome ha la sua importanza perché potrebbe trarre in inganno, indicando il martire di Benevento anziché il fi glio primogenito di Santa Felicita, condannata con i suoi sette figli. Il culto di Genuario ebbe grande fama e sopravvisse nei secoli, ma madre e figli non furono martirizzati e sepolti insieme, per cui vi furono difficoltà nel ricostruire la vicenda in tutti gli aspetti storici. La verifica del racconto del martirio è stata fatta attraverso la comparazioni di più martirologi, che hanno evidenziato un nucleo centrale comune. Anche la datazione ha avuto la sua importanza, infatti fin dai tempi più remoti il giorno dedicato a San Genuario è il 10 luglio; ancora oggi la patronale si celebra agli inizi di luglio. Considerando i riferimenti storici, l’anno del martirio è il 162.

A queste prove, non da tutti considerate sufficienti, se ne sono aggiunte altre con gli scavi archeologici effettuati a metà Ottocento. È infatti stata rinvenuta la tomba del giovane martire presso il cimitero romano di Pretestato; Ogliaro ha inserito un’immagine del sepolcro, eccezionalmente decorato. Venne anche ritrovata un’epigrafe, apposta da papa Damaso I, che indicava tra i martiri lì sepolti Ianuarius, portando così una testimonianza inconfutabile.

Un elemento interessante è la ricchezza iconografica legata al culto, di cui nel libro vi sono alcuni esempi, e non mancano riferimenti precisi per un’eventuale ricerca personale: in copertina vi è la riproduzione di Santa Felicita con i fi gli, affresco presente nella chiesa di San Nicholas in Olanda, al fondo la xilografia conservata nell’abbazia di Admont, in Stiria, regione dell’Austria.

Silvia Baratto

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Scegli l’argomento o la tua città

Pubblicità

Pubblicità

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

Francesco Borasio
September 16, 2017 Francesco Borasio

Impossibile non condividere il testo......oltre agli schiamazzi,una occhiata ai numerosi rifiuti gettati a terra è [...]

vedi articolo
Stefano Di Tano
September 11, 2017 Stefano Di Tano

Sono pienamente d'accordo con la disamina del direttore, e la ritengo fra le più chiare [...]

vedi articolo
gie-uaugizz
June 11, 2017 gie-uaugizz

Scusate, ho dimenticato di sottoscrivere. Fabio Pistan [...]

vedi articolo