SALUGGIA: Il romano-saluggese Enrico Adduci premiato al concorso “Carla Boero”Articolo precedente
I Carousel: parte da Alice Castello un viaggio tra le pietre miliari del rockArticolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

Inventari, specialità e credenze di una farmacia crescentinese del ‘700

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo
Inventari, specialità e credenze di una farmacia crescentinese del ‘700

VERCELLI. (c.car.) Medico, cofondatore nel 1972 della Società Storica Vercellese e dal 2011 direttore della pubblicazione della Società, il Bollettino Storico Vercellese, Giorgio Tibaldeschi è autore di moltissimi studi di storia vercellese, curatore di alcuni volumi e autore della monografia Giuseppe Maria Olgiati (1751-1807). L’autobiografia di un aristocratico vercellese, edita nel 2011. Sul numero 11-12 del Bollettino Storico Vercellese, datato 1978, egli aveva appuntato la sua analisi su Una farmacia del ‘700 a Crescentino.

bollettino storico vercellese

Proprio al XVIII secolo risale «il tentativo più serio di riformare, sulla scorta dei dati sperimentali, la complicata farmacopea che si era venuta accumulando nel corso dei secoli. Ma i nuovi principi stentavano ad affermarsi e nella pratica i medici continuarono a prescrivere e gli speziali a preparare specialità medicinali di efficacia garantita più da una radicata tradizione che da un effettivo valore terapeutico».

Tre interessanti testimonianze crescentinesi di questo fenomeno sono inventari del 1718 (relativo a una piazza e bottega di speziale appartenuta a Bartolomeo Ferrero, poi a G. Giacomo Ferrero e ad un terzo chivassese, G. Battista Gatto), 1733 (gli eredi Gatto vendono a Filippo Francesco Marrone) e 1749 (Grisante Monateri cede al figlio Giuseppe Antonio metà della piazza e bottega di speziale che possiede in società con Marrone e la fondicheria, o drogheria).

Altro segnale dell’importanza dell’attività degli speziali locali, che nel 1682 si erano riuniti in Collegio, con un proprio presidente, è il fatto che la via dove venne costruito l’Ospedale di Santo Spirito era chiamata in antico Contrada dei Semplici (farmaci che non necessitano di preparazione).

Un editto ducale del 1696 su 434 piazze di speziale complessive ne istituiva due a Crescentino, salite a tre nel 1732.

Da documenti secenteschi sono resi noti i nomi di alcuni speziali attivi a Crescentino, Teodoro Ferraris, Giovanni Viale, Carlo Francesco Tibaldeschi, Giacomo Ferrero, ma non si conoscono altri dettagli sulla loro attività.

Molte notizie emergono invece dai tre inventari, tra curiose specialità (dalla conserva di ribes alla confessione di giacinto, sale di Saturno e onguento per l’unghie dei cavalli, per citarne alcuni), la decadenza di teorie superate accanto alla persistenza di usi legati alla superstizione (carne di vipera, olio di scorpione…), fino ai libri indice dello stato di aggiornamento professionale, il più recente vecchio di cinquant’anni.

Giorgio Tibaldeschi, Una farmacia del ‘700 a Crescentino,
in “Bollettino Storico Vercellese” n. 11-12, 1978, pp. 31-43.

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Scegli l’argomento o la tua città

Pubblicità

Pubblicità

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

Francesco Borasio
September 16, 2017 Francesco Borasio

Impossibile non condividere il testo......oltre agli schiamazzi,una occhiata ai numerosi rifiuti gettati a terra è [...]

vedi articolo
Stefano Di Tano
September 11, 2017 Stefano Di Tano

Sono pienamente d'accordo con la disamina del direttore, e la ritengo fra le più chiare [...]

vedi articolo
gie-uaugizz
June 11, 2017 gie-uaugizz

Scusate, ho dimenticato di sottoscrivere. Fabio Pistan [...]

vedi articolo