Nel Comune che vive grazie ai soldi del nucleare... si sono perse le tracce della Commissione NucleareArticolo precedente
Fondazione Cassa di Risparmio di Vercelli, contributi al territorio per 1,9 milioniArticolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

Indagine della Procura in una trentina di aziende agricole per l’utilizzo sui kiwi di un fitofarmaco “non autorizzato”

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo
Indagine della Procura in una trentina di aziende agricole per l’utilizzo sui kiwi di un fitofarmaco “non autorizzato”

I campioni sequestrati presso i frutticoltori borgodalesi vengono analizzati nel laboratorio del Ministero a Catania

BORGO D’ALE. La Procura della Repubblica di Vercelli ha aperto un’indagine sull’utilizzo di fitofarmaci – probabilmente non autorizzati – reperiti presso una trentina (almeno) di aziende agricole di Borgo d’Ale e dintorni. I responsabili delle aziende sono stati convocati dal Ministero delle Politiche Agricole e Forestali per presenziare agli accertamenti tecnici irripetibili sui campioni di prodotto sequestrati; accertamenti che si terranno presso il Laboratorio del Dipartimento dell’ispettorato centrale della tutela della qualità e repressione frodi dei prodotti agro alimentari che il Ministero ha a Catania.
I frutticoltori e i loro legali non rilasciano dichiarazioni, ma pare che sia accaduto questo: la AlzChem, azienda chimica tedesca, ha scoperto che un proprio prodotto – commercialmente denominato Sitofex – utilizzato nelle piantagioni di kiwi per migliorare il calibro dei frutti, se utilizzato nel periodo di prefioritura contribuisce ad attivare i meccanismi di difesa delle piante contro il PSA, il cancro batterico dell’actinidia: non agisce direttamente contro il patogeno, ma renderebbe i suoi attacchi meno dannosi. Nel febbraio scorso il forchlorfenuron, principio attivo del Sitofex ha ottenuto il parere favorevole del Servizio Fitosanitario Nazionale per essere utilizzato per l’emergenza fitosanitaria PSA.
Alcune aziende agricole borgodalesi, però, anziché acquistare il Sitofex dai rivenditori autorizzati se lo sarebbero procurato rivolgendosi a un mercato “parallelo”; acquistando però non l’originale, ma un prodotto contraffatto, non autorizzato e che – oltretutto – anziché combattere la batteriosi avrebbe favorito la moria dei kiwi, fenomeno comunque già in atto.
Gli agenti inviati a Borgo d’Ale e dintorni dalla Procura di Vercelli hanno dapprima valutato “dall’alto” le coltivazioni maggiormente colpite dal fenomeno, e sono poi andati “a colpo sicuro” a sequestrare i residui di prodotto presso le aziende agricole che l’avevano utilizzato.
Nei bar del paese c’è chi vocifera che i controlli siano partiti a seguito di denunce da parte dei venditori autorizzati (e che hanno visto quest’anno una diminuzione delle forniture), ma questi smentiscono e gli inquirenti, ovviamente, tacciono.
Molti titolari delle aziende agricole indagate, invitati a recarsi presso il laboratorio di Catania o ad inviare periti di loro fiducia per assistere agli accertamenti tecnici irripetibili, non hanno mandato nessuno: «è inutile – dicono-, tanto sappiamo già cosa c’è dentro quelle boccette che ci hanno sequestrato». Al termine degli accertamenti la Procura di Vercelli deciderà se chiedere il rinvio a giudizio di utilizzatori e venditori del prodotto.

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Scegli l’argomento o la tua città

Pubblicità

Pubblicità

Pubblicità Alice Castello

Pubblicità

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

gie-uaugizz
June 11, 2017 gie-uaugizz

Scusate, ho dimenticato di sottoscrivere. Fabio Pistan [...]

vedi articolo
gie-uaugizzu
June 11, 2017 gie-uaugizzu

Per la cronaca: qualche giorno prima della commissione sono stato contattato da Renato Bianco, in [...]

vedi articolo
direttore
June 07, 2017 direttore

bene: tutti d'accordo sul sorteggio, allora, metodo migliore per evitare (possibili) favoritismi. se domenica ai [...]

vedi articolo