I poliedrici Circo Maltese reinventano canzoni italiane e brani internazionaliArticolo precedente
“Strada del riso vercellese di qualità”: c’è il Comitato PromotoreArticolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

In Una storia qualunque le passioni del crescentinese Enrico Tizianello

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo

CRESCENTINO. È da poco in libreria il secondo libro del crescentinese Enrico Tizianello, La genetica non è chinotto, che traccia il percorso dell’autore dai 38 anni ad oggi; la parte precedente era stata narrata nel primo, Una storia qualunque, uscito nel 2009.

Una storia qualunque di Enrico TizianelloAl fondo alcuni brevi racconti. In realtà vi è molto di più che il resoconto ironico, acuto e scanzonato di infanzia, adolescenza e giovinezza, ci sono le sue grandi passioni che lo hanno accompagnato fi no ad oggi, anzi a domani. Sono numerose e delineano il ritratto di una personalità variegata, complessa, sensibile e ricca. Paradossalmente c’è una vena di razionalità, quasi feroce, che porta l’autore dall’umorismo alla satira, una lucida visione che impedisce al dolce di diventare miele e all’amaro fiele.

La musica, le auto, Venezia, le donne, nessuna ha un posto speciale, ma tutte s’intrecciano nel vissuto di Tizianello. Come non amare la città lagunare, e non solo perché vi è nato, ma per la sua unicità, per tutto quello che il turista vede e non coglie, che non sa neanche si possa trovare e provare. E la musica, scoperta quasi per caso, talento nascosto che ha aperto nuove possibilità a quel bambino taciturno, quell’adolescente introverso.

Per le auto, specialmente se d’epoca, “ci sono ancora oggi dei meccanici che quando mi vedono da distante mi salutano sbracciandosi e riverendomi come un re, ringraziandomi di aver dato loro la possibilità di passare le ferie a Palma di Maiorca o di essersi comprati casa sulla Costa Azzurra.

Ma sarà mica che sono un po’ sfigato?”. La sfortuna rientra in molti aneddoti e capitoli, anche in relazione agli innamoramenti, a distanza, non ricambiati, fraintesi, compresi solo troppo tardi. Qui entra un gioco una caratteristica che Tizianello estrapola dalle conseguenze delle sue azioni e che si ritrova puntualmente nei vari campi dell’agire: “ero un alieno”, fatto chiarito dalle pagine che si susseguono con andamento variegato e non certo ordinario, passando attraverso teoremi stile leggi di Murphy e attacchi di pessimismo e colite.

Silvia Baratto Enrico Tizianello, Una storia qualunque, Giraldi Editore, 2009, 12 euro.

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Scegli l’argomento o la tua città

Nuova stagione teatrale al Civico di Vercelli
Fondazione Cassa di Risparmio di Vercelli

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

Francesco Borasio
September 16, 2017 Francesco Borasio

Impossibile non condividere il testo......oltre agli schiamazzi,una occhiata ai numerosi rifiuti gettati a terra è [...]

vedi articolo
Stefano Di Tano
September 11, 2017 Stefano Di Tano

Sono pienamente d'accordo con la disamina del direttore, e la ritengo fra le più chiare [...]

vedi articolo
gie-uaugizz
June 11, 2017 gie-uaugizz

Scusate, ho dimenticato di sottoscrivere. Fabio Pistan [...]

vedi articolo