I fumetti, i disegni e le illustrazioni del giovane ciglianese Gabriele PinoArticolo precedente
Per il crescentinese Tizianello, La genetica non è chinottoArticolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

Il Trio Bono: cover rock riarrangiate con voce, chitarra, basso e batteria

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo
Il Trio Bono: cover rock riarrangiate con voce, chitarra, basso e batteria

SANTHIÀ. «Il Trio Bono è nato nel 2010 a Santhià, durante i festeggiamenti del Carnevale, quasi per scherzo», racconta Enrico Furno. «Tra di noi avevamo già collaborato (io e Aldo Valerioti sin dai primi gruppi post-scuole superiori, mentre Stefano Leone è stato il primo batterista dei Battlefi eld), ma mai tutti e tre insieme. Quindi abbiamo deciso di formare un trio che unisse le esperienze di tutti».

Stefano Leone, voce solista e batterista, ha stretto nel tempo collaborazioni importanti con le principali orchestre della zona (tra tutte la Vanna Isaia Band) e gruppi rock, prog e metal del nord Italia (in primis gli Scomunica di Moreno Delsignore). Tra 2010 e 2011 ha studiato alla Collective Drum School di New York e ora vive nella Grande Mela lavorando come musicista.

Enrico Furno, chitarre e voce, è ingegnere elettronico e musicalmente si divide su tre fronti oltre al Trio Bono: accompagna alla chitarra il coro femminile Melody Rock Ensemble, si esibisce nella rock’n’blues band dei River Deep e con il gruppo metal dei Battlelfi eld.

Aldo Valerioti, al basso, è istruttore e personal trainer, attualmente collabora con il gruppo dei Settimo Grado (cover disco ‘70-‘80), i Take Care (cover pop-rock) e OndaBrasil (musica brasiliana).

Il Trio Bono propone un repertorio di cover rock suonato esclusivamente dagli strumenti rock base per eccellenza e cantato a due voci. Le esibizioni si concentrano nei periodi in cui la band è al completo, e ciononostante essa ha già all’attivo alcune buone affermazioni.

Nell’estate 2011 la partecipazione a due concorsi per gruppi emergenti, all’“Ara-men-go!” ad Aramengo d’Asti e al “Kallio Festival” a Villadeati, li ha visti in entrambi i casi al terzo posto. «Alle spalle (giustamente) – commenta il chitarrista – di band che proponevano brani originali, mentre noi abbiamo sempre scelto di suonare cover, se pur con i dovuti riarrangiamenti dettati dalla nostra formazione ridotta. Proprio come premio del concorso di Aramengo abbiamo realizzato un mini-cd contenente il medley di tre brani, inciso presso lo studio The Live Sound di Cavagnolo».

Claudia Carra

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Scegli l’argomento o la tua città

Nuova stagione teatrale al Civico di Vercelli
Dario Casalini al Civico di Vercelli

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

Francesco Borasio
September 16, 2017 Francesco Borasio

Impossibile non condividere il testo......oltre agli schiamazzi,una occhiata ai numerosi rifiuti gettati a terra è [...]

vedi articolo
Stefano Di Tano
September 11, 2017 Stefano Di Tano

Sono pienamente d'accordo con la disamina del direttore, e la ritengo fra le più chiare [...]

vedi articolo
gie-uaugizz
June 11, 2017 gie-uaugizz

Scusate, ho dimenticato di sottoscrivere. Fabio Pistan [...]

vedi articolo