Non Unio di menoArticolo precedente
Con(s)iglio pasquale a SaluggiaArticolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

Il teatro è deserto, ma Mongiano recita (benissimo) lo stesso

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo
Il teatro è deserto, ma Mongiano recita (benissimo) lo stesso
Articoli correlati

Nessuno in platea sabato sera a Gallarate. Ma l’attore ha portato comunque in scena le Improvvisazioni di un attore che legge

“Teatro del popolo” è un nome bellissimo, per una sala. Ma a Gallarate, provincia di Varese, sabato sera il popolo a teatro non c’era. Era in cartellone Improvvisazioni di un attore che legge, lo spettacolo di e con Giovanni Mongiano che sta girando da anni i palcoscenici di tutt’Italia.
Ma stavolta, al momento di cominciare, la platea – va a sapere perché – era completamente deserta. Nemmeno uno spettatore. In teatro solo lui, la cassiera a Paola Vigna, tecnico dello spettacolo.
Ma Mongiano è un teatrante vero, e il suo spettacolo – si legge nella presentazione è “Un’appassionata dichiarazione d’amore verso il teatro, dedicata anche a tutti gli attori, compresi quelli pigri pigri, che oggi sempre più “leggono” in palcoscenico, invece di studiare “la parte” o improvvisare”. E allora, che si apra il sipario: Mongiano – spiega Paola Vigna – «ha recitato come se il teatro fosse pieno. Un grandissimo, non ha saltato nemmeno una battuta».
E Luigi Rutigliani, insegnante di una scuola di Gallarate, ha commentato: «Mongiano, scegliendo di recitare ugualmente davanti ad un teatro completamente vuoto, ha compiuto un’azione decisamente inusuale e per questo degna di grandissima ammirazione. Egli, probabilmente, non immagina quanto sia stato potente quel gesto, anzi, forse lo sa benissimo e per questo ha voluto donarcelo. “Parlare ai muri” è l’espressione utilizzata quando la gente non ci ascolta e questa volta Mongiano lo ha fatto davvero, ma ci ha mostrato che non è stato inutile. Non solo ci ha mostrato ma ci ha soprattutto insegnato o ricordato una grande verità: ciò che facciamo ha eminentemente valore, non per gli altri bensì per noi stessi e dobbiamo “recitare” sempre, comunque e al meglio, anche se non abbiamo garanzia di avere né un pubblico, né degli applausi».

[nella foto di Varese News: un momento dello spettacolo]

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Scegli l’argomento o la tua città

Nuova stagione teatrale al Civico di Vercelli
Dario Casalini al Civico di Vercelli

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

Francesco Borasio
September 16, 2017 Francesco Borasio

Impossibile non condividere il testo......oltre agli schiamazzi,una occhiata ai numerosi rifiuti gettati a terra è [...]

vedi articolo
Stefano Di Tano
September 11, 2017 Stefano Di Tano

Sono pienamente d'accordo con la disamina del direttore, e la ritengo fra le più chiare [...]

vedi articolo
gie-uaugizz
June 11, 2017 gie-uaugizz

Scusate, ho dimenticato di sottoscrivere. Fabio Pistan [...]

vedi articolo