Storie vere e ricordi del passato sull'ottavo numero de L'amanuenseArticolo precedente
Crescentino: Un incontro sulle centrali a biomasse con Comitato e Movimento 5 StelleArticolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

Il Castello di Vettignè e la stazione idrometrica fra “I Luoghi del Cuore” del censimento del Fai

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo
Il Castello di Vettignè e la stazione idrometrica fra “I Luoghi del Cuore” del censimento del Fai

Santhià. Due eccellenze di Santhià sono in testa alla classifica regionale.

La strada sarà ancora lunga, ma la settima edizione del censimento nazionale del Fondo per l’Ambiente Italiano de “I Luoghi del Cuore” vede in testa per il Piemonte due eccellenze di Santhià.

Si vota infatti dal 13 maggio al 30 novembre sul sito http:// iluoghidelcuore.it, e il Borgo e Castello di Vettignè ha raccolto (al 24 giugno) 295 voti, che lo portano al primo posto per la classifica regionale e al 25° assoluto, mentre la Stazione idrometrica di Santhià ne ha ottenuti 141, che ne fanno il 4° in classifica regionale e il 60° in quella nazionale.

Il censimento è promosso dal Fai in collaborazione con Intesa Sanpaolo e chiede a ciascuno di segnalare i tesori d’arte, cultura, paesaggio che ciascuno vorrebbe salvare. Dal 2003, primo anno del progetto, sono stati già svolti 45 interventi di recupero in 15 regioni.

L’elenco dei luoghi da tutelare è lunghissimo e formato da straordinarie bellezze, tra cui appunto il borgo di Vettignè, ora frazione di Santhià, ma storicamente noto già dall’823. Il castello risalirebbe nelle parti più antiche al XIV secolo. Dovette sorgere sul sito di una fortificazione precedente: infatti i Vialardi, ai quali si deve l’edificazione attuale, erano proprietari del luogo nel 1313, dopo che l’imperatore Arrigo VII bandì gli Avogadro, proprietari di Vettignè almeno fin dal 1180 e con i quali i Vialardi condivisero il feudo dal 1201.

Un salto in avanti nel tempo per la Stazione Idrometrica Sperimentale di Santhià, inaugurata nel 1911 e resasi necessaria con l’entrata in funzione del Canale Cavour (1866) per misurare la quantità di acqua da erogare nei vari canali ed evitare le liti tra l’ente erogatore e gli utenti, o tra questi ultimi.

stazione idrometrica

Essa rappresentava un istituto tecnico-scientifico unico al mondo, che, secondo le intenzioni di allora, avrebbe dato lustro all’intero Paese e sarebbe stato un campo di studi e di esperimenti per gli specialisti, invece nacquero difficoltà pratiche nelle tempistiche di funzionamento che la fecero cadere in disuso.

Claudia Carra

Per informazioni http://iluoghidelcuore.it.

Nelle foto:

  • in testa pagina: Il borgo di Vettignè con il castello (foto Condominio Apollo)
  • nel testo: La stazione idrometrica, inaugurata nel 1911.

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Scegli l’argomento o la tua città

Pubblicità

Pubblicità

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

direttore
May 06, 2017 direttore

egregio FR, - qui non si sta parlando di Piani Regolatori: si sta parlando di Piani [...]

vedi articolo
FR
May 06, 2017 FR

Per concludere, nel caso ci fosse un evento d'emergenza come quelli citati da lei, ciò [...]

vedi articolo
FR
May 06, 2017 FR

Nell'articolo però il pericolo dei rifiuti radioattivi è messo alla pari di un incidente nucleare [...]

vedi articolo