Ma a Saluggia, in caso di incidente nucleare, la popolazione cosa deve fare? BohArticolo precedente
«Sto in macelleria, nonostante sia vegano»Articolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

I Grifoni si mangiano i Leoni

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo
I Grifoni si mangiano i Leoni

Pro Vercelli sconfitta in casa dal Perugia. Tutto il secondo tempo in superiorità numerica, ma non è bastato: quattro attaccanti in campo, zero gol. Decisive per conquistare la salvezza le ultime tre partite contro Spal, Brescia e Frosinone.

VERCELLI (u.l.) – Aprile finisce male per la Pro: dopo il pareggio di martedì 25 a Pisa, contro l’ultima in classifica, oggi al “Piola” la squadra di Longo è stata sconfitta 0-1 dal Perugia interrompendo così la serie di risultati positivi durata dodici partite. Pur avendo tutto il secondo tempo per recuperare il gol di svantaggio, e pur essendo in superiorità numerica (gli umbri sono rimasti in dieci dal 4′ della ripresa, espulso Dezi per un fallaccio a centrocampo), la Pro non è riuscita a pareggiare.
Ancora orfana dei lungodegenti Mammarella, Vajushi, Bianchi e Palazzi (ma non è che il Perugia quanto ad infortunati stesse meglio…), la Pro ha iniziato con il consueto 3-5-2; in difesa Konate al posto di Luperto (tenuto in panchina a riposo precauzionale), Germano ed Emmanuello a centrocampo ad affiancare Vives, in avanti Aramu a supporto di Comi. A metà del primo tempo, però, Emmanuello toccato duro da Del Prete è stato costretto a chiedere il cambio: al suo posto è entrato Altobelli.
Quando mancavano sei minuti al riposo il Perugia ha segnato il gol-partita: calcio d’angolo battuto da Di Chiara, tocco di Mustacchio e Mancini deviando la palla con un’anca ha insaccato alle spalle di Provedel.
Nell’intervallo Longo ha inserito Morra al posto di Bani (Berra arretrato in difesa e Germano spostato sulla fascia destra), a un quarto d’ora dal termine ha mandato in campo anche il quarto attaccante (La Mantia, fuori Germano) inaugurando un inedito 3-3-4, ma il pareggio non è arrivato: clamorose le occasioni mancate da Aramu al 90′ e da Morra al 92′. Alla fine, visto che le punte non inquadravano la porta, è venuto avanti ed ha provato a tirare anche Provedel. Ottimo il portiere umbro Brignoli, ma se in casa, in 11 contro 10, con quattro attaccanti in campo, contro una difesa rabberciata, non si riesce a segnare… c’è poco da recriminare.
La Pro continua infatti ad essere una delle squadre più abuliche del campionato cadetto: in 39 partite ha segnato solo 32 reti (hanno fatto peggio solo Vicenza e Pisa), nel girone di ritorno ha il peggior attacco della Serie B (12 gol in 18 gare). Nella classifica marcatori non ha nessuno tra i primi dieci, nessuno in doppia cifra, e in tutto il torneo ha vinto solo due partite con più di una rete di scarto. E’ chiaro che se andare in gol è così difficile, appena si va in svantaggio – come oggi – le cose si complicano: oltre la trequarti la squadra di Longo è inefficace, se non si conquista un rigore si perde.

Con la sconfitta odierna la Pro resta a 47 punti e scende al 14° posto, superata dal Cesena (49) che ha vinto a Cittadella. Si avvicinano anche l’Ascoli (45) che ha pareggiato a Latina e il Trapani (44) vittorioso sull’Entella. In agguato a 45 punti (penalizzato di 3) l’Avellino, che giocherà il posticipo lunedì 1° maggio a Benevento, e a 42 il Brescia impegnato domani a Novara.
Decisive, quindi, nella lotta per la salvezza saranno le ultime tre partite. Di cui due in trasferta contro Spal (domenica 7 maggio) e Frosinone (giovedì 18) lanciate verso la Serie A, e una sola (sabato 13) – al “Piola” contro il Brescia, che sta cercando disperatamente di risalire dal fondo classifica. Insomma: i tifosi speravano di chiudere aprile festeggiando la salvezza con qualche giornata d’anticipo, e invece ci sarà da soffrire fino all’ultimo.

PRO VERCELLI (3-5-2): Provedel; Legati, Bani (1’ st Morra), Konate; Berra, Germano (33’ st La Mantia), Vives, Emmanuello (23’ pt Altobelli), Eguelfi; Aramu, Comi. A disposizione: Zaccagno, Nardini, Starita, Castiglia, Luperto, Osei. All. Longo.
PERUGIA (4-3-3): Brignoli; Del Prete, Mancini, Belmonte (24’ st Dossena), Di Chiara; Brighi, Gnahoré, Dezi; Mustacchio, Forte (50’ st Terrani) Guberti (7’ st Acampora). A disposizione: Elezaj, Ricci, Di Nolfo. All. Bucchi.
Arbitro: Mainardi di Bergamo
Gol: 39′ Mancini (PE)
Ammoniti: Brighi (PE), Di Chiara (PE), Vives (PV) Gnahorè (PE), Del Prete (PE)
Espulso: Dezi al 4′ del secondo tempo.

[nella foto: l’ex Mattia Mustacchio è tornato al “Piola”]

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Scegli l’argomento o la tua città

Nuova stagione teatrale al Civico di Vercelli
Dario Casalini al Civico di Vercelli

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

Francesco Borasio
September 16, 2017 Francesco Borasio

Impossibile non condividere il testo......oltre agli schiamazzi,una occhiata ai numerosi rifiuti gettati a terra è [...]

vedi articolo
Stefano Di Tano
September 11, 2017 Stefano Di Tano

Sono pienamente d'accordo con la disamina del direttore, e la ritengo fra le più chiare [...]

vedi articolo
gie-uaugizz
June 11, 2017 gie-uaugizz

Scusate, ho dimenticato di sottoscrivere. Fabio Pistan [...]

vedi articolo