Rimborsi, Pedrale patteggia 18 mesi con la condizionaleArticolo precedente
Cos’è il “Cemex”Articolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

Godio: Ci vuole un controllo democratico dal basso

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo
Articoli correlati

Gian Piero Godio

Legambiente e Pro Natura: «Ci vuole un controllo democratico dal basso: non è più possibile rinviare l’istituzione di un Osservatorio dei cittadini sul nucleare».

Vercelli. (r.n.) Legambiente e Pro Natura del Vercellese chiedono ancora una volta l’istituzione di un Osservatorio dei cittadini sul nucleare nel Vercellese. «Le recentissime notizia di stampa sulle tangenti versate per aggiudicarsi appalti per lavori nei siti nucleari – dichiara Gian Piero Godio – sembrano riguardare l’impianto Cemex con annesso deposito D3, con un volume di 8.500 metri cubi (pari ad oltre trenta appartamenti) che verrà realizzato qui in aggiunta all’altro mega-deposito nucleare denominato D2 che è già purtroppo in fase di costruzione. Noi crediamo che se questi due depositi saranno realizzati, i materiali radioattivi resteranno a Saluggia per altri decenni, e sappiamo tutti bene che mantenerli a Saluggia – in un triangolo di terreno delimitato da corsi d’acqua, e in riva alla Dora Baltea – significa decidere di correre i rischi più elevati.

In questa situazione, dopo che da tempo i Cittadini hanno perso la fiducia nelle “Istituzioni preposte” che negli anni hanno ridotto Saluggia in questo stato, il recente episodio delle tangenti – portato alla luce dalla magistratura milanese – per l’aggiudicazione di un appalto per la costruzione di un impianto nel sito di Saluggia rende ancora più urgente disporre, da parte dei Cittadini, di uno strumento diretto per ottenere quella trasparenza e quei controlli che continuano a mancare. Ai cittadini sembra che queste “Istituzioni preposte” si dedichino principalmente a escogitare svariate “furberie istituzionali” attraverso le quali superare il dissenso della Popolazione, e particolarmente la contrarietà ai nuovi depositi nucleari.

Così come a tutti pare evidente – prosegue Godio – che ciò che occorrerebbe invece fare immediatamente sarebbe solidificare i rifiuti radioattivi liquidi, ed immediatamente dopo portare il tutto in un luogo meno inidoneo, scelto con obiettività, democrazia e trasparenza. Questi comportamenti delle Istituzioni, uniti alla mancanza di trasparenza (che nel settore nucleare ha una lunga tradizione) hanno progressivamente reso le Istituzioni poco affidabili agli occhi dei Cittadini, e certamente il recente episodio delle tangenti a Sogin non migliora la situazione!

Oggi i cittadini di Saluggia e di Trino, ma anche quelli a loro prossimi e quelli degli oltre cento Comuni che bevono l’acqua prelevata appena a valle degli impianti nucleari, hanno il sacrosanto diritto di pretendere che venga affidato a loro stessi il compito di vigilare sui pericoli del nucleare e sulle sospette omissioni e furberie degli Esercenti, attraverso l’istituzione di un apposito “Osservatorio dei cittadini sul Nucleare”. Intendiamoci: serve uno specifico Osservatorio per il nucleare nel Vercellese, che è di gran lunga (dati ufficiali alla mano) la zona più nuclearizzata d’Italia: cosa ben diversa rispetto all’Osservatorio che Sogin ha annunciato a livello nazionale e che dovrà occuparsi di come e dove realizzare il Deposito Nazionale.

In passato ci era stato obiettato che c’era il problema di come finanziare questo “controllo democratico dal basso”, poi sono arrivate le compensazioni nucleari, ma i Comuni e la Provincia, nonostante le nostre insistenze, hanno ritenuto meglio spenderle per … qualsiasi cosa meno che per l’Osservatorio dei cittadini». Conclude Godio: «Oggi, dopo che abbiamo letto di tangenti da seicentomila euro, rinnoviamo con forza la richiesta, e, per favore, abbiano il buongusto di non risponderci ancora che mancano i soldi!».

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Scegli l’argomento o la tua città

Pubblicità

Pubblicità

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

Francesco Borasio
September 16, 2017 Francesco Borasio

Impossibile non condividere il testo......oltre agli schiamazzi,una occhiata ai numerosi rifiuti gettati a terra è [...]

vedi articolo
Stefano Di Tano
September 11, 2017 Stefano Di Tano

Sono pienamente d'accordo con la disamina del direttore, e la ritengo fra le più chiare [...]

vedi articolo
gie-uaugizz
June 11, 2017 gie-uaugizz

Scusate, ho dimenticato di sottoscrivere. Fabio Pistan [...]

vedi articolo