VERRUA SAVOIA: Tentano la truffa usando la mail del parrocoArticolo precedente
SALUGGIA: Carnevale con i Reali, il Generale e la Bela MasuchinaArticolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

FONTANETTO PO: Profanata una tomba a Fontanetto

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo
FONTANETTO PO: Profanata una tomba a Fontanetto

FONTANETTO PO. (r.c.) Tagliato il cancello del cimitero, forzata la porta della cappella di famiglia, distrutto il loculo e aperta la bara a colpi d’ascia. Il feretro violato è quello di un uomo morto nel 1981 all’età di 86 anni.

Un grave avvenimento ha turbato la comunità cittadina domenica 23 febbraio: nella mattinata la signora Piera Risoli si è recata al cimitero ed ha scoperto che una tomba, all’interno di una cappella di famiglia, era stata profanata. Immediatamente la notizia è giunta al sindaco Riccardo Vallino che ha avvertito i carabinieri. Giunti sul posto, gli uomini dell’Arma hanno constatato che nottetempo qualcuno aveva tagliato con delle cesoie il cancello del cimitero posto sul lato della provinciale 31 bis, poi – scassinando la serratura – era entrato in una cappella di famiglia lì vicino e quindi, dopo aver aperto un loculo, aveva estratto la bara e sferrato alcuni colpi d’accetta sulla cassa di legno e su quella, interna, di zinco, fino ad aprirla.

La bara è quella di Carlo Negro, un uomo morto nel 1981 all’età di 86 anni. Gli inquirenti hanno convocato l’unico parente del defunto, il nipote Giancarlo Frà, mentre la scientifica avviava i rilievi e raccoglieva le impronte; interpellata anche l’agenzia di onoranze funebri per collocare la bara nella piccola camera mortuaria. «Il sospetto – spiega il sindaco – è che siano stati disturbati: hanno infatti lasciato la tronchese e l’ascia nella tomba, che è la più vicina al cancello, la più comoda da raggiungere ». I resti di Carlo Negro sono stati nuovamente tumulati nella stessa giornata di domenica.

Quali i motivi del gesto? Non è stato rubato nulla, anche perché nulla di valore era contenuto nella tomba, resta certo il vilipendio; Vallino non propende per uno scherzo macabro: «erano molto organizzati». Ha parole commosse per la persona oltraggiata, «un uomo tranquillo, che non ha mai fatto del male a nessuno nella vita», e si scaglia con la veemenza che gli è propria contro chi lo ha colpito: «peggio di loro solo i pedofili, queste sono persone malate». Adesso la comunità cercherà di riprendersi e capire chi e perché è avvenuto un fatto così grave, «mi auguro che le indagini giungano a trovare qualcosa».

Nella foto: La bara estratta dal loculo e lasciata sul pavimento della cappella di famiglia.

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Scegli l’argomento o la tua città

Nuova stagione teatrale al Civico di Vercelli
Dario Casalini al Civico di Vercelli

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

Francesco Borasio
September 16, 2017 Francesco Borasio

Impossibile non condividere il testo......oltre agli schiamazzi,una occhiata ai numerosi rifiuti gettati a terra è [...]

vedi articolo
Stefano Di Tano
September 11, 2017 Stefano Di Tano

Sono pienamente d'accordo con la disamina del direttore, e la ritengo fra le più chiare [...]

vedi articolo
gie-uaugizz
June 11, 2017 gie-uaugizz

Scusate, ho dimenticato di sottoscrivere. Fabio Pistan [...]

vedi articolo