LAMPORO: Approvato il progetto dei lavori di restauro del palazzo comunaleArticolo precedente
LIVORNO FERRARIS: Presentata l’Unione delle Terre del risoArticolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

FONTANETTO PO: Al Viotti un Elisir d’amore fresco e contemporaneo

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo

Una scena de L'elisir d'amore rappresentato sabato all'auditorium Viotti

FONTANETTO PO. (s.b.) Purtroppo il pubblico continua a scarseggiare.

Cosa spinge ad andare a teatro in una fredda sera d’inverno a vedere un’opera lirica scritta oltre un secolo fa? Una possibile risposta è L’elisir d’amore di Gaetano Donizetti andato in scena sabato 8 febbraio all’auditorium.

Scena aperta, una palestra, ragazze e ragazzi che assistono alle schermaglie di Adina, di cui è innamorato Nemorino, timido e impacciato. Tutina aderente e fascia tra i capelli la protagonista flirta con Belcore, sergente aitante, un tipo “giusto”; arriva il dottor Dulcamara, borsone pieno di magico elisir. Nemorino cerca un filtro d’amore e l’altro, fiutato il gonzo, gli rifia la stessa brodaglia, che farà effetto solo il giorno seguente, il tempo necessario per filarsela prima di essere scoperto. La situazione precipita per poi ricomporsi, Adina capisce che il vero innamorato è Nemorino.

Una regia fresca porta in uno scenario diverso i personaggi per dare loro la possibilità di trasmettere al pubblico di oggi ciò che l’opera dava a quello di ieri; sebbene definita “melodramma giocoso” risente già degli influssi romantici e questo la avvicina alla sensibilità ancora nostra, Nemorino tocca punte di tragicità e momenti d’umorismo, si fa abbindolare come tutti gli altri dal furbastro di turno e di certo non è difficile conoscere una Adina o un Belcore. Difficile non trasformarli in macchiette, appiattirli, ma la disinvoltura di gesti quotidiani, di atteggiamenti eloquenti, di una forte dose di teatralità che crea complicità col pubblico aiutano a evitare le sabbie mobili del gigionismo.

Ovviamente tutto sta in piedi perché le voci ci sono, pulite, chiare, escono senza sforzi. La potenza di Silvia Di Falco è ormai riconosciuta, non sfigurano assolutamente gli altri cantanti e il coro ha una sua forza notevole. Il cartellone musicale dell’associazione Viotti volge ormai al termine, resta una sola rappresentazione, poi si vedrà se la collaborazione con Rami musicali proseguirà per il terzo anno o prenderà un’altra strada. Sempre scarso il pubblico, uno zoccolo duro di appassionati con qualche presenza giovane non è forse una risposta sufficiente ad un’offerta di questo tipo. Una serata di bel canto, di intenso rapporto emotivo con gli artisti, salutati con un lunghissimo scroscio di applausi, un ottimo accompagnamento al pianoforte: magari potrebbe essere un’idea per scoprire cosa vuol veramente dire “live”.

Nella foto: Una scena de L’elisir d’amore rappresentato sabato all’auditorium Viotti.

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Scegli l’argomento o la tua città

Nuova stagione teatrale al Civico di Vercelli
Dario Casalini al Civico di Vercelli

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

Francesco Borasio
September 16, 2017 Francesco Borasio

Impossibile non condividere il testo......oltre agli schiamazzi,una occhiata ai numerosi rifiuti gettati a terra è [...]

vedi articolo
Stefano Di Tano
September 11, 2017 Stefano Di Tano

Sono pienamente d'accordo con la disamina del direttore, e la ritengo fra le più chiare [...]

vedi articolo
gie-uaugizz
June 11, 2017 gie-uaugizz

Scusate, ho dimenticato di sottoscrivere. Fabio Pistan [...]

vedi articolo