Variante al Piano Regolatore, “saltano” una circonvallazione e un pezzo dell’altraArticolo precedente
Agosto a Vercelli e nei paesi della provinciaArticolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

“Edilizia connection”, la Cassazione smonta la sentenza dell’udienza preliminare

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo
“Edilizia connection”, la Cassazione smonta la sentenza dell’udienza preliminare

Saluggia. (r.g.) La Terza Sezione della Suprema Corte ha accolto buona parte del ricorso formulato dalla Procura vercellese. Annullati una serie di “non luogo a procedere” pronunciati dal giudice Paolo Bargero all’udienza del 7 maggio 2013: si torna in aula.

C’erano un “non luogo a procedere” dietro l’altro, nella sentenza emessa il 7 maggio 2013 dal Giudice per le indagini preliminari Paolo Bargero all’udienza su “Edilizia connection”, l’indagine condotta dalla Procura vercellese su una serie di pratiche edilizie del Comune di Saluggia negli anni in cui era sindaco Marco Pasteris e responsabile dell’ufficio tecnico Antonello Ravetto. La Procura aveva presentato ricorso in Cassazione contro la sentenza, e il 17 luglio scorso la Terza Sezione della Suprema Corte ha pronunciato la propria sentenza: annullamento di buona parte dei “non luogo a procedere” decisi da Bargero. Sul capo d’imputazione 6, per esempio: quello che vedeva imputati Ravetto e Pietro Coppo relativamente alla divisione di un’area edificabile in due (SUE 9A e SUE 9B): Ravetto – secondo l’accusa – aveva operato “senza porle al vaglio del Consiglio comunale” e aveva rilasciato i permessi di costruire “senza ottenere i pareri degli enti competenti e conteggiando in modo errato i limiti di edificabilità, agevolando il proprietario Coppo che con tale procedura avrebbe ceduto alla collettività solo 2950 mq dell’area anziché i previsti 4850”. Su questo punto, dice la Cassazione, si torna in aula.

Come si torna in aula sul capo d’imputazione 13, relativo alla pratica edilizia n. 12/11 “con oggetto la ristrutturazione di un fabbricato di civile abitazione di proprietà di Luca Pasteris, progettata dal geom. Maria Grazia Balegno”: secondo l’accusa, nella pratica mandata avanti da Ravetto manca la documentazione necessaria all’istruttoria. E così sul capo 14, il permesso di costruire relativo alla stessa pratica, rilasciato “procurando intenzionalmente a Luca Pasteris, proprietario del fabbricato, un ingiusto vantaggio patrimoniale determinato da un aumento di volumetria e di superficie utile del fabbricato”. Idem sul capo 15: Ravetto – sempre secondo l’accusa – “abusando della sua qualifica, con artifizi e raggiri consistenti nel calcolare non correttamente la volumetria induceva in errore l’Amministrazione comunale procurando un ingiusto vantaggio a Luca Pasteris, che a fronte del pagamento del tributo previsto dalla norma versava 260 euro, corrispondenti a un terzo del dovuto, con danno per il Comune di Saluggia di 1000 euro”.

Simile la motivazione con cui è stato annullato il “non luogo a procedere” per il capo d’imputazione relativo alla pratica edilizia 29/08, in cui – secondo l’accusa – Ravetto non calcolò il sottotetto “inducendo in errore il comune e procurando un ingiusto profitto a Manilio Romeo e Lucia Sobrà, che a fronte del pagamento del tributo previsto dalla norma versavano metà del dovuto, con danno per il Comune di 1700 euro”. E così via.

Nell’estate scorsa, interrogato sulla possibilità che anche il Comune di Saluggia promuovesse ricorso contro la sentenza del gup Bargero, il sindaco Firmino Barberis aveva risposto: «La sentenza è chiara, spero che questa vicenda si concluda in fretta». Evidentemente la Cassazione non la pensa come lui.

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Scegli l’argomento o la tua città

Pubblicità

la prima pagina del giornale in edicola

Mercoledì 10 Dicembre 2014 la prima pagina del giornale in edicola

Pubblicità

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

Combine per far dimettere l’opposizione? Potete attaccarvi al tram. | Paola Olivero
December 29, 2014 Combine per far dimettere l’opposizione? Potete attaccarvi al tram. | Paola Olivero

- essere rinviato a giudizio per calunnia nei confronti di un pubblico dipendente http://www.lagazzetta.info/pasteris-denuncia-il-geom-ceresa-per-abuso-dufficio-e-peculato-ma-e-un-bo… [...]

vedi articolo
Jokrah
August 12, 2014 Jokrah

La toponomastica funziona. Dovrebbero funzionare però anche i ritrovamenti archeologici. Anche nell'area nord orientale del [...]

vedi articolo