LIVORNO FERRARIS: Il bando del Comune per le borse di studioArticolo precedente
Accordo tra Livorno Ferraris, Fontanetto e Palazzolo Entro il mese la scelta fra “convenzione” e “Unione”Articolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

CRESCENTINO: «Sulle modifiche al Piano Regolatore Allegranza coinvolga le minoranze»

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo
CRESCENTINO: «Sulle modifiche al Piano Regolatore Allegranza coinvolga le minoranze»
Articoli correlati

CRESCENTINO. Richiesta di Mosca, Angelone e Rotondo. Il Vicesindaco: Nulla di strano: vogliamo ridurre le aree edificabili perché ora sono troppe e i proprietari pagano “sberle” di Imu e Tasi.

I consiglieri di opposizione Gian Maria Mosca, Giuseppe Rotondo e Gaetano Angelone venerdì 17 gennaio hanno depositato in Municipio una richiesta di convocazione del Consiglio comunale per discutere in tempi brevi le modifiche al Piano Regolatore.

«Sicuramente il Piano Regolatore deve essere in parte rivisto», afferma Mosca; «per esempio modificando la destinazione urbanistica di alcuni terreni per i quali i proprietari attualmente pagano una follia di Imu. Si tratta di un tema importante, che voglio che venga discusso pubblicamente ed approfonditamente: per una volta è il caso che non vengano tenute nascoste le carte e tutto proceda alla luce del sole».

Rilevando di aver appreso da la Gazzetta che l’Amministrazione, “con al vertice il vicesindaco Allegranza”, vorrebbe chiudere entro la legislatura le modifiche al Prgc per “assecondare le esigenze del caso”, ed essendo il Piano uno strumento urbanistico destinato ad essere valido per lungo tempo, ricordano – “specie al vicesindaco” – che al momento dell’approvazione delle linee programmatiche in Consiglio venne accolta la richiesta di discutere le modifiche prima di una decisione definitiva, “coinvolgendo quindi le minoranze (per la prima volta) su questi delicati temi”.

Ecco il perché della necessità di una “convocazione urgente” del Consiglio per discutere le varianti che solo in una seconda seduta verranno presentate al voto, dando così il tempo necessario per riflettere dopo la discussione, verificare che siano state seguite le linee programmatiche e tenuto conto dell’interesse generale dei cittadini. I tre consiglieri hanno richiesto espressamente che l’incontro si svolga nel periodo tra il 21 gennaio e il 5 febbraio.

«Come già detto in Consiglio e in più occasioni – risponde il vicesindaco Franco Allegranza – il Prgc era da rivedere per dare un po’ di equità tra la gente, ma soprattutto per renderlo realistico e funzionale alla città. Oggi le sole zone di espansione, le RSN, i terreni agricoli che potrebbero essere edificati, coprono circa 370 mila mq; qualunque persona di buon senso si rende conto che è sufficiente per i prossimi cinquant’anni e quindi la stragrande maggioranza di quei terreni non sarà mai edificato. In compenso però i proprietari, che non sono agricoltori, pagano l’Imu o Tasi come edificabili, con un esborso che arriva ad essere 20 volte quello agricolo. La nostra intenzione è ridurre drasticamente le aree edificabili mantenendo quelle per le quali ci sono già dei Pec avviati, e poche altre». Questa scelta deriva «dalle richieste specifiche che sono state avanzate dai proprietari. La prima regola è stata “non trattare i cittadini come polli da spennare”, come invece è stato fatto nel Piano Regolatore approvato dalla precedente Amministrazione. La seconda quella di modificare la normativa in alcune zone dove si sono ravvisati errori materiali. Nulla di strano, quindi; e comunque, come abbiamo promesso in Consiglio comunale, la variante sarà discussa con le opposizioni prima dell’approvazione ufficiale del progetto preliminare ».

Va infatti chiarito quale sarà l’iter della variante: il passaggio in Consiglio comunale è solo il primo step, poi la delibera dovrà essere pubblicata per 30 giorni, quindi per altri 30 giorni i cittadini potranno presentare osservazioni, che saranno discusse in un successivo Consiglio, accolte o respinte prima dell’approvazione definitiva. Inoltre potrebbero essere avanzate osservazioni e richiesti adeguamenti o cambiamenti da parte degli uffici urbanistici della Regione.

Silvia Baratto

Nella foto: Giuseppe Rotondo e Gaetano Angelone.

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Scegli l’argomento o la tua città

Nuova stagione teatrale al Civico di Vercelli
Dario Casalini al Civico di Vercelli

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

Francesco Borasio
September 16, 2017 Francesco Borasio

Impossibile non condividere il testo......oltre agli schiamazzi,una occhiata ai numerosi rifiuti gettati a terra è [...]

vedi articolo
Stefano Di Tano
September 11, 2017 Stefano Di Tano

Sono pienamente d'accordo con la disamina del direttore, e la ritengo fra le più chiare [...]

vedi articolo
gie-uaugizz
June 11, 2017 gie-uaugizz

Scusate, ho dimenticato di sottoscrivere. Fabio Pistan [...]

vedi articolo