CRESCENTINO: La IBP chiede di alzare i limiti delle emissioniArticolo precedente
Pasqua e Pasquetta? molti hanno scelto la gita in agriturismoArticolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

Crescentino: L’impianto IBP presentato agli alunni delle scuole medie locali

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo
Crescentino: L’impianto IBP presentato agli alunni delle scuole medie locali

CRESCENTINO. (s.b.) Presenti Massa, Taverna e Venegoni.

Agli allievi delle classi terze e di una seconda media lo scorso giovedì è stato presentato il progetto avviato a Crescentino dalla Mossi&Ghisolfi. Dapprima al teatro Angelini con una serie di video e poi con lo scuolabus all’interno della bioraffineria, i ragazzi sono venuti a contratto con svariati aspetti dalla produzione di bioetanolo: il bioetanolo di prima e seconda generazione, i passaggi della produzione, la richiesta europea e mondiale, gli impianti di produzione attuali e quelli futuri, la ricerca e la sperimentazione. Numerose le domande che gli studenti, suddivisi in due gruppi, hanno posto a Marco Parachini, capo del personale e a Stefano Ciparelli, amministratore delegato, che li ha raggiunti in un momento successivo.

Soddisfazione è stata espressa dagli insegnanti; «era un’assurdità avere una società che produce un prodotto innovatore a livello mondiale e che i ragazzi neanche sapessero che esisteva» rileva Marco Canuto, insegnante di matematica, scienze e sostegno; «agli adulti possono restare dei dubbi che si scioglieranno nel tempo, ma è un’eccellenza, una realtà del territorio e soprattutto dimostra ai nostri ragazzi che studiare serve: avere visto trentenni che lavorano è un incentivo, con la volontà si raggiungono risultati importanti. Il futuro richiede l’ecologia e Crescentino ha il futuro».

L’assessore Gianni Taverna, che ha organizzato l’incontro a cui hanno assistito anche la sindaca Marinella Venegoni ed il vicesindaco Gabriele Massa, ci teneva a realizzarlo, «mi sarebbe piaciuto avere il tempo di portarci i cittadini e gli ex dipendenti Teksid per far vedere loro come è cambiata l’area». Ringrazia gli insegnanti, con i quali ha condiviso molte attività in questi cinque anni, ed i ragazzi per il loro comportamento corretto e sottolinea l’interesse che hanno dimostrato con domande e commenti.

«Lo spirito dell’incontro è semplice ed importante: Ghisolfiha cominciato a fabbricare tappi di plastica nel suo garage ed è diventato leader mondiale del settore, ora sta passando al green, vuol dire che qualcosa sta cambiando. L’ambiente va rivalutato, sta cambiando il mondo, possiamo essere d’accordo politicamente o no, però resta un progetto unico a livello europeo e mondiale e bisogna conoscerlo». Per gli studenti è doppiamente futuro: «nella ricerca e nello sviluppo l’età media è 32 anni; mi è sembrato utile ed importante far sentire dalla voce di chi ci lavora; è una realtà piemontese che si sta evolvendo, non una sfida americana o tedesca».

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Scegli l’argomento o la tua città

Pubblicità

Pubblicità

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

gie-uaugizz
June 11, 2017 gie-uaugizz

Scusate, ho dimenticato di sottoscrivere. Fabio Pistan [...]

vedi articolo
gie-uaugizzu
June 11, 2017 gie-uaugizzu

Per la cronaca: qualche giorno prima della commissione sono stato contattato da Renato Bianco, in [...]

vedi articolo
direttore
June 07, 2017 direttore

bene: tutti d'accordo sul sorteggio, allora, metodo migliore per evitare (possibili) favoritismi. se domenica ai [...]

vedi articolo