VERRUA SAVOIA: frontale tra auto e camion Un 76enne ricoverato in ospedaleArticolo precedente
BILIARDO - Bianzè: L'Ultra Vegas corsaro in quel di MoncalieriArticolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

CRESCENTINO: Inseguimento, erano ubriachi

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo
CRESCENTINO: Inseguimento, erano ubriachi

CRESCENTINO. (a.bu.) Crescentino: i due muratori moldavi che hanno scatenato il panico in via Giotto. Uno di loro, ferito da un proiettile durante la colluttazione, è stato operato.

Sarebbe l’abuso di alcol la principale causa del folle inseguimento terminato con una sparatoria, nella serata di martedì 14 gennaio. Erano, infatti, ubriachi i due muratori moldavi di 37 e 46 anni, entrambi residenti a Verrua Savoia, che a bordo di un furgone rosso hanno seminato il panico in centro. Erano dunque in due e non in tre, come in un primo momento si era ipotizzato e scritto.

Sono stati arrestati dai carabinieri con l’accusa di resistenza a pubblico ufficiale.

Tutto è accaduto poco prima delle 19 in via Giotto, nei pressi dell’incrocio semaforico di fronte all’Istituto “Calamandrei”. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, il furgone stava percorrendo la via a forte velocità zigzagando da una parte all’altra della carreggiata. Nel tentativo di evitarlo, un automobilista al volante di una Fiat Punto è andato a schiantarsi contro un muretto, poi il furgone ha centrato in pieno una Fiat Cinquecento. A quel punto, altri automobilisti terrorizzati hanno lanciato l’allarme ai carabinieri. Una pattuglia della stazione crescentinese è arrivata in via Giotto ed ha intercettato il furgone, che ne frattempo aveva imboccato una via laterale e fatto il giro di un isolato. I due muratori, però, alla vista dei lampeggianti hanno cercato di fuggire via speronando altre auto. La corsa del furgone è però terminata solo quando il motore si è rotto dopo uno scontro con una Toyota ferma al semaforo. I due sono scesi dall’abitacolo; l’autista, un marcantonio di 1 metro e 90 di altezza e oltre 100 chili di peso, ha cominciato a urlare frasi sconnesse. Un carabiniere gli si è avvicinato ed ha estratto la pistola dalla fondina la pistola; il muratore gli si è avventato contro e, nella colluttazione, dalla pistola sono partiti quattro colpi: un proiettile ha ferito il muratore al polso. L’uomo è crollato a terra, continuando ad urlare e scalciare, e ci sono voluti cinque carabinieri per riuscire ad ammanettarlo. Trasferito all’ospedale di Vercelli, è stato operato nella notte.

Nel frattempo il suo compagno, dopo un primo tentativo di resistere all’altro militare della pattuglia, si è arreso. Il bilancio è di tre auto praticamente distrutte, e due automobilisti feriti nei tamponamenti.

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Scegli l’argomento o la tua città

Pubblicità

Pubblicità

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

Francesco Borasio
September 16, 2017 Francesco Borasio

Impossibile non condividere il testo......oltre agli schiamazzi,una occhiata ai numerosi rifiuti gettati a terra è [...]

vedi articolo
Stefano Di Tano
September 11, 2017 Stefano Di Tano

Sono pienamente d'accordo con la disamina del direttore, e la ritengo fra le più chiare [...]

vedi articolo
gie-uaugizz
June 11, 2017 gie-uaugizz

Scusate, ho dimenticato di sottoscrivere. Fabio Pistan [...]

vedi articolo