Moncrivello: Domenica il raduno de J’amis d’la VespaArticolo precedente
Mercoledì 30 luglioArticolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

Crescentino: i lavoratori Italcardano manifestano contro la decisione dell’azienda sulla mobilità

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo
Crescentino: i lavoratori Italcardano manifestano  contro la decisione dell’azienda sulla mobilità

Oggi, giovedì 31 luglio, i lavoratori dello stabilimento Italcardano hanno manifestato per dimostrare il loro dissenso rispetto alle decisioni della dirigenza di aprire la procedura di mobilità per i 14 impiegati dichiarati esubero dalla sede centrale della Dana Spicer.

Nell’assemblea di mercoledì i lavoratori hanno deciso di iniziare la lotta, e le motivazioni sono esposte nel comunicato che annuncia il fermo degli impianti: “Per la difesa dell’occupazione, contro le dichiarazioni di esuberi ed i licenziamenti annunciati dall’azienda: i lavoratori dell’Italcardano invitano la dirigenza aziendale a riconsiderare i piani di riduzione del personale paventati. I lavoratori chiedono da subito un contratto di solidarietà come proposto dalla Rsu, che permetterebbe di assorbire tutti gli esuberi, di non indebolire la struttura e non perdere le professionalità presenti in azienda”.

I dirigenti avevano ufficializzato da poco gli esuberi, i sindacati avevano portato al tavolo delle trattative più proposte per riassorbire anche questa parte di lavoratori, tra i quali nessuno aveva accettato le “buonuscite” o comunque le condizioni agevolate per lasciare volontariamente il proprio posto. Le rappresentanze hanno quindi accolto come unilaterale la decisione di aprire la mobilità.

«Tutti i lavoratori – afferma Ivan Terranova (Fiom) a cui fanno eco gli altri sindacalisti presenti sul piazzale dello stabilimento fin dalla prima mattina – si sono dimostrati solidali con il ragionamento portato avanti nelle assemblee precedenti: qui si sta combattendo una battaglia contro la filosofia che sta prendendo piede, ribattendo alle imposizioni di una multinazionale per la quale vengono prima il bilancio e i numeri rispetto ai ragionamenti e alle azioni per rimettere in gioco l’azienda con investimenti. Riteniamo che, come alla Gammastamp e alla Cerutti, si possa intervenire con ammortizzatori sociali per gestire l’immediato, e avere il tempo per far ripartire il lavoro. Pare che in questo caso la decisione derivi dalla scelta della sede centrale in base alla proporzione tra lavoratori diretti e indiretti».

Portare produzione non sembra impossibile, guardando ad altre realtà della stessa Dana Spicer: «in altri stabilimenti, come in quello di Trento, hanno pagato un buon premio di produzione e non hanno problemi, lì si sono fatti investimenti adeguati». Qui è iniziata la lavorazione dei doppi giunti: è funzionale alla ripresa? «È poca cosa e molto specialistica».

«Per il futuro ci riserviamo diverse iniziative, magari anche davanti ai cancelli di altre sedi della società».

La partecipazione degli operai è netta, numerosi anche gli impiegati che stazionano con loro sul piazzale d’ingresso; qualcuno è entrato. L’agitazione non ha impedito l’ingresso ai camion dei rifornimenti, ma è certamente stato scelto un momento particolare per scendere in sciopero: infatti l’ultimo giorno del mese è quello delle consegne. La produzione ferma non consentirà probabilmente di chiudere gli ordini e di far partire i carichi.

Silvia Baratto

Nella foto:   Sciopero Italcardano Crescentino 31 luglio 14

 

Aggiornamento delle ore 19

Nel corso della giornata non vi sono state aperture di dialogo tra le Rsu e l’azienda; il direttore dello stabilimento, l’ingegner Marco Monti, ha mantenuto la linea già decisa e i sindacati, in accordo col personale, hanno a loro volta deciso di proseguire lo sciopero anche nella giornata di domani, venerdì 1° agosto. La serrata della produzione sarà totale: infatti era già deciso che si sarebbero fermati gli addetti ai forni, a loro si aggiungono gli altri lavoratori. La consegna di fine mese slitta ancora, si deciderà cosa fare per lunedì. (s.b.)

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Scegli l’argomento o la tua città

Nuova stagione teatrale al Civico di Vercelli
Dario Casalini al Civico di Vercelli

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

Francesco Borasio
September 16, 2017 Francesco Borasio

Impossibile non condividere il testo......oltre agli schiamazzi,una occhiata ai numerosi rifiuti gettati a terra è [...]

vedi articolo
Stefano Di Tano
September 11, 2017 Stefano Di Tano

Sono pienamente d'accordo con la disamina del direttore, e la ritengo fra le più chiare [...]

vedi articolo
gie-uaugizz
June 11, 2017 gie-uaugizz

Scusate, ho dimenticato di sottoscrivere. Fabio Pistan [...]

vedi articolo