Saluggia: Le donne e la cucina nel Ventennio: Luisella Ceretta lo presenta a Casa FaldellaArticolo precedente
La natura nelle pirografie del tronzanese Ivan GrassoArticolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

Crescentino: Hanno fatto un sacco di spese anche se non c’erano i fondi

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo
Crescentino: Hanno fatto un sacco di spese anche se non c’erano i fondi
Articoli correlati

CRESCENTINO. Il nuovo sindaco Greppi alle prese con l’eredità dell’Amministrazione Venegoni. «Hanno fatto un sacco di spese anche se non c’erano i fondi: soltanto per il nuovo teatrino siamo fuori di 280 mila euro».

La stesura del bilancio di previsione 2014 e delle delibere connesse sta assorbendo la maggior parte dell’impegno amministrativo del sindaco Fabrizio Greppi. «Stiamo predisponendo il bilancio e la Tari con il regolamento. Lo scorso anno non è stata applicata la Tares, quindi quest’anno la scelta è più impattante. La passata Amministrazione non ha voluto prendersi responsabilità, non conveniva ai fini elettorali; inoltre si potevano già approvare le tariffe». Nel 2013, infatti, ai Comuni che a una certa data non avevano ancora deliberato in Consiglio l’approvazione della Tares era stato concessa la possibilità di mantenere la Tarsu. Fu una scelta di molti Comuni, tra i quali Crescentino, anche perché gli amministratori sapevano già che per l’anno seguente sarebbe nuovamente cambiato il modello di tassazione.

La gestione economica pare abbia altre zavorre: «un sacco di spese fatte quest’anno sapendo che non c’erano i fondi, come il teatrino, per cui siamo fuori di 280 mila euro; fatture che non riusciamo a pagare e siamo già a luglio, non ci posso far nulla. Dovevano deliberare solo quello che si poteva pagare, non scaricarlo sul sindaco successivo, chiunque arrivasse». Il bilancio è comunque in dirittura di arrivo, «lo porteremo in Giunta a breve ed in Consiglio nella seconda metà di luglio». «Stiamo definendo i tributi per i cittadini e le riduzioni annunciate in campagna elettorale. Prima procederemo all’adeguamento degli oneri in base all’infl azione come richiesto dalla normativa, poi li ridurremo per portarli al livello attuale e quindi approveremo le riduzioni per le nuove attività artigiane e commerciali e ribasseremo del 20% gli oneri per le ristrutturazioni ».

Silvia Baratto

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Scegli l’argomento o la tua città

Pubblicità

Pubblicità

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

direttore
May 06, 2017 direttore

egregio FR, - qui non si sta parlando di Piani Regolatori: si sta parlando di Piani [...]

vedi articolo
FR
May 06, 2017 FR

Per concludere, nel caso ci fosse un evento d'emergenza come quelli citati da lei, ciò [...]

vedi articolo
FR
May 06, 2017 FR

Nell'articolo però il pericolo dei rifiuti radioattivi è messo alla pari di un incidente nucleare [...]

vedi articolo