Saluggia: Le donne e la cucina nel Ventennio: Luisella Ceretta lo presenta a Casa FaldellaArticolo precedente
La natura nelle pirografie del tronzanese Ivan GrassoArticolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

Crescentino: Hanno fatto un sacco di spese anche se non c’erano i fondi

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo
Crescentino: Hanno fatto un sacco di spese anche se non c’erano i fondi
Articoli correlati

CRESCENTINO. Il nuovo sindaco Greppi alle prese con l’eredità dell’Amministrazione Venegoni. «Hanno fatto un sacco di spese anche se non c’erano i fondi: soltanto per il nuovo teatrino siamo fuori di 280 mila euro».

La stesura del bilancio di previsione 2014 e delle delibere connesse sta assorbendo la maggior parte dell’impegno amministrativo del sindaco Fabrizio Greppi. «Stiamo predisponendo il bilancio e la Tari con il regolamento. Lo scorso anno non è stata applicata la Tares, quindi quest’anno la scelta è più impattante. La passata Amministrazione non ha voluto prendersi responsabilità, non conveniva ai fini elettorali; inoltre si potevano già approvare le tariffe». Nel 2013, infatti, ai Comuni che a una certa data non avevano ancora deliberato in Consiglio l’approvazione della Tares era stato concessa la possibilità di mantenere la Tarsu. Fu una scelta di molti Comuni, tra i quali Crescentino, anche perché gli amministratori sapevano già che per l’anno seguente sarebbe nuovamente cambiato il modello di tassazione.

La gestione economica pare abbia altre zavorre: «un sacco di spese fatte quest’anno sapendo che non c’erano i fondi, come il teatrino, per cui siamo fuori di 280 mila euro; fatture che non riusciamo a pagare e siamo già a luglio, non ci posso far nulla. Dovevano deliberare solo quello che si poteva pagare, non scaricarlo sul sindaco successivo, chiunque arrivasse». Il bilancio è comunque in dirittura di arrivo, «lo porteremo in Giunta a breve ed in Consiglio nella seconda metà di luglio». «Stiamo definendo i tributi per i cittadini e le riduzioni annunciate in campagna elettorale. Prima procederemo all’adeguamento degli oneri in base all’infl azione come richiesto dalla normativa, poi li ridurremo per portarli al livello attuale e quindi approveremo le riduzioni per le nuove attività artigiane e commerciali e ribasseremo del 20% gli oneri per le ristrutturazioni ».

Silvia Baratto

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Scegli l’argomento o la tua città

Pubblicità

la prima pagina del giornale in edicola

Mercoledì 10 Dicembre 2014 la prima pagina del giornale in edicola

Pubblicità

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

Combine per far dimettere l’opposizione? Potete attaccarvi al tram. | Paola Olivero
December 29, 2014 Combine per far dimettere l’opposizione? Potete attaccarvi al tram. | Paola Olivero

- essere rinviato a giudizio per calunnia nei confronti di un pubblico dipendente http://www.lagazzetta.info/pasteris-denuncia-il-geom-ceresa-per-abuso-dufficio-e-peculato-ma-e-un-bo… [...]

vedi articolo
Jokrah
August 12, 2014 Jokrah

La toponomastica funziona. Dovrebbero funzionare però anche i ritrovamenti archeologici. Anche nell'area nord orientale del [...]

vedi articolo