LIVORNO FERRARIS: dall’«utente a sportello» all’«utente su appuntamento»Articolo precedente
ALICE CASTELLO: Nei boschi una tonnellata di rifiutiArticolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

CRESCENTINO: “Donne nel mondo”, un aiuto per quelle che si trovano in difficoltà

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo
CRESCENTINO: “Donne nel mondo”, un aiuto per quelle che si trovano in difficoltà

Crescentino. (s.b.) Si amplia l’attività crescentinese dell’associazione “Donne nel mondo”.

Già dallo scorso anno la vicepresidente Touria Bouksibi è attiva localmente per aiutare le donne, straniere e italiane, che si trovano in difficoltà per i più svariati motivi, dalla violenza domestica ai permessi di soggiorno, dalla ricerca del lavoro alla burocrazia.

Adesso anche la presidente Clarice Mbatoma si è avvicinata a Crescentino: un primo passo è stato affittare, attraverso l’associazione, un alloggio per una famiglia straniera che sta cercando di ricomporsi, cinque anni per raggiungere l’Italia che li ha riconosciuti profughi politici. Il prossimo sarà trovare una sede per aprire uno sportello rivolto alle donne che necessitano di aiuto: «donne e bambini sono fasce deboli – rileva la presidente – anche tra gli italiani; dai problemi di violenza a quelli burocratici, a dove indirizzarli per le diverse esigenze».

Nata 11 anni fa, l’associazione ha iniziato ad allargarsi e farsi conoscere nel 2011; ha stabilito collaborazioni con altre associazioni, con il Ciss, con esperti e professionisti, come la psicologa, valido supporto umano e cognitivo per affrontare rapporti personali, familiari, scolastici. L’aiuto che fornisce “Donne nel mondo” è anche materiale, grazie ai volontari e al materiale raccolto; da qui l’esigenza di avere una sede che sia anche punto di raccolta dove far confluire ciò che viene offerto e organizzare la disponibilità di eventuali collaboratori. Difficile risolvere il problema del lavoro, la crisi toglie opportunità, ma per molte donne «anche un’ora alla settimana vuol dire molto, il risvolto psicologico oltre che economico è davvero rilevante».

Nella foto: La presidente Clarice Mbatoma e la vicepresidente Touria Bouksibi

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Scegli l’argomento o la tua città

Pubblicità

Pubblicità

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

Francesco Borasio
September 16, 2017 Francesco Borasio

Impossibile non condividere il testo......oltre agli schiamazzi,una occhiata ai numerosi rifiuti gettati a terra è [...]

vedi articolo
Stefano Di Tano
September 11, 2017 Stefano Di Tano

Sono pienamente d'accordo con la disamina del direttore, e la ritengo fra le più chiare [...]

vedi articolo
gie-uaugizz
June 11, 2017 gie-uaugizz

Scusate, ho dimenticato di sottoscrivere. Fabio Pistan [...]

vedi articolo