Il Cappuccino Ignazio da Santhià Una storia di santità ordinariaArticolo precedente
SALUGGIA: Dar Essalam: eletto il nuovo direttivoArticolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

Come può invecchiare l’uomo che ha della salvia nel suo giardino?

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo
Come può invecchiare l’uomo che ha della salvia nel suo giardino?

La salvia (nome scientifico salvia officinalis) fa parte della famiglia delle Labiate ed è una pianta perenne a forma di cespuglio che può raggiungere l’altezza d’un metro, con foglie opposte di colore grigio-verde e fiori di color azzurro-viola. Sboccia fra giugno e luglio e qui in Italia cresce spontanea ed abbondante sui dirupi sassosi ed assolati del centro-sud. È intensamente coltivata nei giardini e negli orti come pianta ornamentale ed aromatica.

La salvia è ricca di principi attivi e contiene estrogeni, risultando pertanto assai utile per la salute, al punto che nel corso dei secoli è stata ampiamente lodata come pianta della longevità. Un vecchio proverbio comune in Cina, in Persia ed in Europa affermava: come può invecchiare l’uomo che ha della salvia nel suo giardino? Per i Romani era una pianta sacra, da raccogliere secondo un preciso rituale. Indossando una tunica bianca ed a piedi nudi, ben lavati, si raccoglievano le foglie con le sole mani e senza utilizzare utensili di ferro, perché ritenuti incompatibili con la salvia.

Essa è stringente, antisettica e viene usata come collutorio nei casi d’affezioni orofaringee, gengiviti, afte, tonsilliti, faringiti. È un potente fungicida, efficace anche contro la diarrea. Il tè di salvia è tonico per il sangue e la tensione nervosa, allevia tossi e raffreddori. La salvia stimola e regolarizza il flusso mestruale e ne calma i dolori. Aiuta a combattere i disturbi della menopausa e viene usata per ridurre la sudorazione corporea. Contribuisce a calmare le coliche addominali, stimola la secrezione della bile e favorisce la digestione. Le foglie in infuso servono per vaporizzazioni al viso, come lozione detergente ed astringente.

Quest’efficace pianta curativa è molto apprezzata anche in cucina, poiché viene utilizzata mescolata alla cipolla per farcire il pollame, oppure per cucinare carni grasse quali maiali, anatre, selvaggina, fegatini. Le foglie intere possono essere passate nella pastella e fritte o tritate nel burro per farcire panini e per aromatizzare l’aceto.

Mirta

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Scegli l’argomento o la tua città

Pubblicità

Pubblicità

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

Francesco Borasio
September 16, 2017 Francesco Borasio

Impossibile non condividere il testo......oltre agli schiamazzi,una occhiata ai numerosi rifiuti gettati a terra è [...]

vedi articolo
Stefano Di Tano
September 11, 2017 Stefano Di Tano

Sono pienamente d'accordo con la disamina del direttore, e la ritengo fra le più chiare [...]

vedi articolo
gie-uaugizz
June 11, 2017 gie-uaugizz

Scusate, ho dimenticato di sottoscrivere. Fabio Pistan [...]

vedi articolo