I gol di Rolando Bianchi salveranno la Pro?Articolo precedente
Un sovrappasso e una galleria sotterranea per portare nella cava di Torrazza lo “smarino” del tunnel del TAV Torino-LioneArticolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

Centrale idroelettrica al Ritano: le associazioni ambientaliste chiedono di riaprire la Conferenza dei Servizi

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo
Centrale idroelettrica al Ritano: le associazioni ambientaliste chiedono di riaprire la Conferenza dei Servizi

Legambiente e Pro Natura contrarie al progetto: «si valuti l’effettiva compatibilità urbanistica dell’intervento rispetto alle norme del Piano d’Area del Parco del Po»

SALUGGIA. Le associazioni Legambiente e Pro Natura del Vercellese hanno formalmente chiesto alla Provincia di Vercelli la riapertura della Conferenza dei Servizi che, a fine 2016, su progetto presentato dai Consorzi irrigui Est e Ovest Sesia ha autorizzato la realizzazione di una centrale idroelettrica – denominata “Farini” – sull’isolotto del Ritano, sulla Dora Baltea.
Il motivo della richiesta è di carattere urbanistico: gli ambientalisti, come hanno già segnalato alla Provincia nel corso dell’istruttoria, ritengono infatti che le norme del Piano d’Area del Parco del Po vietino la realizzazione dell’impianto sull’isolotto, che costituisce il “gioiello” naturalistico della Dora nel territorio di Saluggia; chiedono quindi alla Provincia – anche alla luce di un recente pronunciamento della Direzione Ambiente della Regione – di valutare questo aspetto. «Non siamo contro la produzione di energia mediante l’idroelettrico – spiegano – ma gli impianti vanno collocati in punti opportuni del fiume, non all’interno di una Riserva Naturale. Le norme del Piano d’Area del Parco sono chiarissime: non vanno “interpretate creativamente”, ma applicate».
In paese la contrarietà al progetto è pressoché unamime: il Comune – che in Conferenza ha espresso parere negativo, e ha chiesto di rilocalizzare l’intervento – ha recentemente incaricato un legale per predisporre un ricorso contro l’autorizzazione; il gruppo consiliare di minoranza “Per Saluggia” ha avviato una raccolta di firme, allestendo un gazebo in piazza; le stesse associazioni ambientaliste hanno organizzato assemblee per illustrare ai cittadini il progetto e le sue ricadute.

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Scegli l’argomento o la tua città

Pubblicità

Pubblicità

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

gie-uaugizz
June 11, 2017 gie-uaugizz

Scusate, ho dimenticato di sottoscrivere. Fabio Pistan [...]

vedi articolo
gie-uaugizzu
June 11, 2017 gie-uaugizzu

Per la cronaca: qualche giorno prima della commissione sono stato contattato da Renato Bianco, in [...]

vedi articolo
direttore
June 07, 2017 direttore

bene: tutti d'accordo sul sorteggio, allora, metodo migliore per evitare (possibili) favoritismi. se domenica ai [...]

vedi articolo