Claudio Momo ha perso la vita in un incidente stradaleArticolo precedente
Il Comune acquista l’area ex Quaglino e l’immobile ex RampellaArticolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

Borgo d’Ale: Biciclette gratis per i bambini

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo
Borgo d’Ale: Biciclette gratis per i bambini

BORGO D‘ALE. (m.v.-c.car.) Un servizio di prestito organizzato in paese da Teresina Bongianino. Molte famiglie le hanno in casa ma non le usano più, altre vorrebbero averle ma non possono. E allora…

Un bambino felice in bicicletta, che va alla scoperta del suo mondo. Questo il nucleo di un’innovativa iniziativa che si deve alla borgodalese Teresina Bongianino, che sta organizzando una sorta di servizio gratuito di prestito di biciclette per i più piccoli, destinato ai suoi compaesani e non solo.

L’idea è sorta dalla considerazione di come molte famiglie abbiano in casa piccoli veicoli a due ruote per bambini che non vengono ormai più utilizzati, mentre al contempo ne esistono altre che, avendo fi gli in minore età, desidererebbero avere una bicicletta, senza avere magari la possibilità di comprarla.

La proposta è quindi quella d’organizzare una raccolta di biciclette – che si potrà estendere anche a seggiolini per automobili e passeggini – analoga per funzionamento a quelle dei libri delle biblioteche.

Rispettare le proprie cose, e quelle altrui messe a disposizione per chi ne fa buon uso, e al contempo produrre meno rifi uti, dando nuova vita ad oggetti in buono stato ma semplicemente non più adatti al loro proprietario, sono i principi fondamentali su cui si basa questo progetto.

Teresina Bongianino ha offerto come deposito dei mezzi un’autorimessa di sua proprietà presente in paese, mentre suo marito si è proposto per eventuali riparazioni, purché esse non risultino eccessivamente costose. Le bici saranno consegnate funzionanti ed eventuali forature o rotture durante l’uso saranno a carico dei genitori.

«Chi ha bisogno di una biciclettina vede se c’è qualcosa che può servire, chi la deve sostituire con una più grande lascia la sua piccola, chi non la usa più può lasciarla a disposizione di altri», spiega l’ideatrice, che sottolinea che non sarà richiesta alcuna somma di denaro per questi mezzi, che però non vengono regalati ma devono essere resi al momento del loro inutilizzo.

Nella foto: una delle biciclette recuperate.

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Scegli l’argomento o la tua città

Pubblicità

Pubblicità

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

direttore
May 06, 2017 direttore

egregio FR, - qui non si sta parlando di Piani Regolatori: si sta parlando di Piani [...]

vedi articolo
FR
May 06, 2017 FR

Per concludere, nel caso ci fosse un evento d'emergenza come quelli citati da lei, ciò [...]

vedi articolo
FR
May 06, 2017 FR

Nell'articolo però il pericolo dei rifiuti radioattivi è messo alla pari di un incidente nucleare [...]

vedi articolo