La persecuzione degli ebrei a Trino ricordata da Irico, Crosio e FerrarottiArticolo precedente
I metalmeccanici della Fiom a congresso a GattinaraArticolo successivo

versione on line de la Gazzetta, giornale di Vercelli e provincia

Bambini e cani: una convivenza fonte di ricchezza e di crescita

Interlinea+- ADimensione del carattere+- Stampa questo articolo
Bambini e cani: una convivenza fonte di ricchezza e di crescita

Sono lieto di collaborare con questa rubrica che mi offre l’occasione di donare il mio contributo come operatore di zooantropologia a tutte le famiglie che hanno deciso di far crescere i loro bambini in compagnia di un cane. Per farlo è necessario intraprendere un viaggio nel mondo umano e animale e distinguere le peculiarità ed i bisogni delle due specie che hanno in comune il piacere di condividere l’affettività e la loro relazione.

La prima cosa che possiamo fare è cercare di analizzare l’atteggiamento che i bambini hanno nei confronti del cane. Essi percepiscono che l’animale è morfologicamente diverso da loro ma, per trasporto affettivo e crescendo insieme, lo considerano un compagno di giochi, un fratellino con cui condividere le proprie giornate e finiscono per paragonarlo ad un essere umano. L’antropomorfizzazione è la prima emergenza che dobbiamo cercare di risolvere. Possiamo spiegare ai bambini che il cane è come un mappamondo dove ci sono zone calde e zone fredde, le prime, come la testa, la coda e le zampe non vanno mai “invase” ma piuttosto trattate con cautela. Per esempio, il cane non gradisce essere abbracciato, Fido percepisce la stretta come una prova di forza, un tentativo di sfida e una volontà di imporre la supremazia, mentre per il bambino è un semplice gesto di affetto. Invece se insegniamo al bimbo che esistono delle differenze, grazie alla relazione con il cane, può imparare a riconoscere e accettare tutte le diversità e a non avere più paura di chi non è uguale a lui. Così la convivenza può diventare fonte di ricchezza e di crescita. Prendersi cura del suo amato quattro zampe è un’opportunità educativa per il bambino che appare più sensibile al mondo che lo circonda e ha l’occasione di sviluppare competenze di cura verso gli esseri più bisognosi.

L’idea può anche non dare risultati immediati ma è importante piantare un semino che prima o poi darà frutto. La zooantropologia ci suggerisce un approccio nuovo nei confronti degli animali, essi non sono un mero elemento passivo dell’interazione; l’uomo deve rivolgersi agli animali con uno spirito nuovo, riconoscendone l’individualità, le caratteristiche di specie e l’apporto che essi hanno donato alla cultura e all’evoluzione umana. Se facciamo uno sforzo in direzione degli animali possiamo creare un ponte di interscambio che ci conduce verso un’opportunità di crescita per entrambi.

0 Commenti

Questo articolo non ha ancora nessun commento

Siamo spiacenti, nessuno ha ancora lasciato un commento !

Ma puoi essere il primo: lascia un commento !

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati sono obbligatori *

Scegli l’argomento o la tua città

Nuova stagione teatrale al Civico di Vercelli
Dario Casalini al Civico di Vercelli

Consiglio Regionale Piemonte

Gli ultimi commenti

Francesco Borasio
September 16, 2017 Francesco Borasio

Impossibile non condividere il testo......oltre agli schiamazzi,una occhiata ai numerosi rifiuti gettati a terra è [...]

vedi articolo
Stefano Di Tano
September 11, 2017 Stefano Di Tano

Sono pienamente d'accordo con la disamina del direttore, e la ritengo fra le più chiare [...]

vedi articolo
gie-uaugizz
June 11, 2017 gie-uaugizz

Scusate, ho dimenticato di sottoscrivere. Fabio Pistan [...]

vedi articolo